IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Rando Tour Campania, trionfo del circolo Amatori della Bici di Atripalda
Irpinia Sistema Turistico, proroga termine manifestazione di interesse: accolta con favore la richiesta dell'Ordine dei Commercialisti
Lutto tra gli avvocati irpini: è morto il penalista Massimo Preziosi
Presi i ladri dei garage di Avellino e hinterland
Le auto storiche e da corsa sfilano a San Potito Ultra
Controlli nei frantoi irpini, multe salate per due titolari
Picchia la figlia con un bastone, arrestato padre violento
Rinvenuto cadavere in un appartamento, s'indaga
Schianto tra autobus e compattatore, paura per 10 bambini
Avellino, incidente in via Due Principati: auto sbanda e finisce nella scarpata. Ferita una ragazza

 

Alto Calore, lavoratori e sindacati alzano la voce

Contestazione nei confronti dei vertici societari

protesta lavoratori

(protesta lavoratori)
(Foto: Carmine Bellabona)

I Sindacati Provinciali FILCTEM-CGIL, FEMCA-CISL, UILCEM-UIL, UGL-ENERGIA e la RSU dell’Alto Calore Servizi Spa di Avellino, prendono le distanze da tutte quelle persone che, all’interno dell’ACS di Avellino, criticano l’operato delle Forze Sociali credendo che debbano essere solo una sorta di cuscinetto ammortizzante dei loro problemi. Le OO.SS. si sono sempre rese disponibili ad un confronto vero, senza tirarsi mai indietro sulle questioni gestionali della Società, facendo prevalere il proprio senso di responsabilità con spirito propositivo e costruttivo. Le questioni Societarie possono essere risolte solo attraverso un vero confronto tra le parti, nell’ambito di un rispetto reciproco dei ruoli. Le OO.SS. sono ormai convinte che la confusione che si sta generando tra i lavoratori, all’interno dell’ACS, sia frutto di una regia occulta al fine di consegnare la Società nelle mani del Privato, con tutte le conseguenze che si possono immaginare. Difatti al momento non sono stati ancora approvati i conti consuntivi dell’ACS e dell’ACP per l’assenza di due consiglieri dell’area Beneventana. Di conseguenza i Sindacati sono preoccupati, non poco, per il destino della Società e per i livelli occupazionali. L’Ato, dal canto suo, sta cercando di portare avanti la proposta del consulente Prof. Caia sulla costituzione di una Associazione Temporanea di Imprese (ATI) alla quale dare l’affidamento del SII. Il tavolo Istituzionale a suo tempo costituito, per il controllo analogo, fa fatica ad eleggere il proprio Presidente, per le posizioni assunte da alcuni rappresentanti politici del Beneventano e di conseguenza non riesce a dare delle risposte concrete. Il termine ultimo per l’affidamento in house è scaduto il 31 Marzo u.s.. Lo scontro politico in essere è evidente a tutti. Nessuno vuole lasciare la propria poltrona, anzi, si cerca di averne delle altre. Peraltro, alcune testate giornalistiche locali hanno, nei giorni scorsi, messo in risalto tale annosa questione. I Sindacati, preoccupati per l’immobilismo attuale, constatato la realtà dei fatti, si riuniranno con i lavoratori dell’ACS in assemblea per discutere ed individuare tutte le azioni di lotta possibili a salvaguardia dei livelli occupazionali, per la difesa dell’Alto Calore Servizi Spa di Avellino, per la gestione pubblica del servizio e per la tutela dell’acqua, un bene universale inalienabile, fabbisogno essenziale per la vita.

Condividi