IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Investe una donna e fugge. Rintracciato e denunciato il pirata della strada
Esaudito il desiderio della piccola Giovanna: video chiamata con i "Me contro Te"
Precipita dall'ultimo piano, muore studentessa. Tragedia al campus di Fisciano
Open Day delle malattie della pelle, al Moscati visite dermatologiche gratuite
Incidente nella galleria di Solofra, ferita una 60enne di Aiello
Giovane professore si toglie la vita lanciandosi giù dal ponte
Scuola Premio Digitale, il Convitto nazionale "Colletta" polo provinciale per l'innovazione tecnologica
"Più strisce pedonali ad Avellino per garantire maggiore sicurezza ai cittadini"
Pietrastornina, il prefetto Matteo Piantedosi intervista Marino Bartoletti autore dell'almanacco del Festival di Sanremo
Esplosione al bancomat, ladri in fuga con il bottino

 

Ariano, convegno per il via alla disfida del soffritto

Appuntamento a domani, 5 marzo, alle 17.30 presso il Castell Normanno del centro storico del paese

Disfida del soffritto ad Ariano

(Disfida del soffritto ad Ariano)
(Foto: irpiniareport)

Apre di fatto l'evento e rappresenta una delle novità di quest'anno. Il convegno “La cultura del maiale e l’alimentazione contadina” vuole essere un momento di introduzione e soprattutto di approfondimento culturale e scientifico della “Disfida del Soffritto”, fortemente voluto dalla Condotta Foggia- Monti Dauni, che ha trovato subito d'accordo la Condotta Slow Food Irpinia Colline dell'Ufita-Taurasi e il Comune di Ariano che insieme organizzano l'evento. Dunque alla sua IV edizione la Disfida da una sola giornata passa a due e rafforza il concetto di non rappresentare solo un momento di aggregazione sociale o di festa paesana, ma soprattutto un evento culturale, turistico, gastronomico di ampio respiro con la possibilità di approfondire la conoscenza di prodotti d'eccellenza e il territorio da cui provengono. L'appuntamento è alle 17.30 di domani, sabato 5 marzo, al Castello Normanno all'interno della Villa comunale, in pieno Centro Storico di Ariano con la possibilità anche di svolgere visite guidate al Museo della Civiltà Normanna a cura di Sistema Museo. L'incontro dibattito sarà aperto con i saluti dell'Assessore all’Agricoltura della Provincia di Avellino, professore Raffaele Coppola, e quelli del Sindaco del Comune di Ariano Irpino, Antonio Mainiero. Nutrito l'ordine di interventi: Salvatore Salvatore, giornalista e studioso delle tradizioni agricole della Valle dell’Ufita; Guido Pensato, Giornalista e storico dell’eno-gastronomia; Franco Arminio, Paesologo; Federico Ceschin, Esperto in marketing e sviluppo dei territori; Michele Poligneri, Responsabile comitato scientifico Slow Food Puglia; Nicola Sorbo, Responsabile Comunità del cibo di Terra Madre Slow Food Campania; Donato Matassino, Presidente Consdabi. A chiudere la discussione Alberto Fabbri, Governatore e componente del Comitato scientifico di Slow Food Italia. La serata proseguirà con uno spettacolo musicale e degustazioni al “Sanacore” sulla Russo- Anzani e con una cena a tema “I sapori del maiale nero casertano”, presso la Trattoria chiocciola Slow Food “Di Pietro” a Melito Irpino. E domenica si entra nel vivo: già dalle ore 10,00 le Comunità protagoniste della Disfida inizieranno ad offrire la “Colazione Contadina” all'interno dei propri stand. Per quanto rigurda le degustazioni offerte dallo stand della Città di Ariano da registrare e sottolineare la grande disponibilità degli agriturismo dell'Associazione Agriturismi Arianesi. Alle 13,00 poi comincia la sfida vera e propria con gli assaggi dei 15 soffritti per decretare quello migliore. Contestualmente vi sarà anche la possibilità di partecipare a visite guidate nei luoghi più interessanti della Città. Tra le particolarità la “sacca porta calice” in omaggio. All'entrata gli organizzatori consegneranno a ciascuno un calice di vetro contenuto in una piccola sacca da mettere al collo in modo tale che per tutta la durata degli assaggi ognuno terrà con sé il proprio bicchiere evitando così sprechi e portando poi a casa un piccolo ricordo dell'evento.

Condividi