IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Scomparsa Lo Conte, Mocella (Confartigianato): "Garbo e determinazione lo distinguevano. Bisogna proseguire nel suo nome per rilanciare l'Irpinia"
Coronavirus, i casi in Irpinia arrivano a 329
Gli effetti dell'emergenza Coronavirus sull'agricoltura, Picariello: "Le filiere vitivinicole, florovivaistiche e lattiero-casearie le più colpite"
Coronavirus, il presidente Biancardi: “Entro venerdì la Provincia consegna i kit in vitro veloce per la diagnosi”
Covid-19, altri 6 contagi in Irpinia. Il bilancio sale a 228
Ruba un'auto, nei guai 28enne
Covid-19, sale il bilancio in Irpinia: 222 le persone contagiate
Sanificazione, Confindustria mette a disposizione strumenti e conoscenze
Coronavirus, 2 morti al Moscati
Emergenza Covid-19, Gambino (Usmia): "Tutelare gli operatori delle forze armate"

 

Arriva in campania il 118 veterinario

Cani

(Cani)
(Foto: Irpiniareport)

Nasce il 118 veterinario. Una legge che dirà chi fa cosa, individuerà responsabilità degli enti, delle asl, dei proprietari. Non solo, una legge che prevedrà anche un archivio regionale dei cani e un numero verde che consentirà di accedere ad un pronto soccorso veterinario. Mirano a questo le disposizioni approvate dalla Regione Campania, e contenute nella legge numero 3. Nei prossimi mesi si entrerà nel vivo. Ad esempio a partire dal primo gennaio quasi sicuramente entrerà in funzione il numero verde, una sorta di '118 veterinario' che farà capo all'Asl Napoli 1. Ci sarà poi l'archivio regionale, previsti massicci programmi di sterilizzazione. E poi la prevenzione del randagismo. Precisi i ruoli anche dell'Asl: quando sarà individuato un cane randagio, prima ancora di entrare in canile o affidato ad una famiglia adottiva, sarà 'trattato' dall'ASl per tutte le eventuali patologie o necessità. Tra le novità ci sono corsi obbligatori per i proprietari di animali pericolosi e anche il registro rumori per gli animali. (Da Ansa)

Condividi