IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Droga nel divano e nell'armadio, due arresti a Serino e Montoro
Coronavirus, muore 62enne. In dieci giorni al Moscati 10 decessi
Covid-19, torna l'incubo ad Ariano Irpino: 12 positivi in ospedale e un decesso
Covid-19, aggiornamento contagi: 39 i positivi
Coronavirus, 2 morti al Moscati nella notte
Covid-19, sospese le attività ambulatoriali e i ricoveri programmati
Covid-19, 15enne ricoverato al Moscati. Contagiati i genitori e il fratello
Avellino Racing, il Covid non ferma l'attività agonistica
Serino, illecito smaltimento di rifiuti pericolosi e abusivismo edilizio. Due denunce
Si schianta con la moto sull'autostrada A16, muore 25enne

 

Artigianato in Campania, Mocella : "Persi oltre 2 miliardi di fatturato per il lockdown"

I drammatici numeri comunicati dal presidente di Confartigianato

Ettore Mocella

(Ettore Mocella)
(Foto: Irpiniareport)

Oltre 2 miliardi di fatturato perso dal settore artigianato in Campania in due mesi di lockdown”. Numeri drammatici che comunica il presidente di Confartigianato Campania, Ettore Mocella.  “Parrucchieri, estetisti, bar, ristoranti possono riaprire subito. Sono nelle condizioni di riprendere e nella massima sicurezza, rispettando le misure imposte. Perché attendere ancora e penalizzare ulteriormente queste attività? Già hanno subito danni notevoli. Aspettare altri giorni significa determinare la morte di tante imprese”. Il presidente Mocella si appella a Governo e Regione. “Bisogna fare presto – dichiara – altrimenti pensiamo che un quinto di queste realtà non alzerà più la saracinesca. Corriamo il rischio di trovarci in mano a multinazionali del food, dei bar e di perdere la tradizione locale, la trattoria, mettendo in pericolo quella filiera dell’enogastronomia che è fiore all’occhiello delle nostre terre e fa da traino al turismo. Rischiamo la dittatura del surgelato. Ci sono delle regole da rispettare e queste strutture sono in grado di farlo immediatamente. Non si capisce la ragione per cui bisogna ancora attendere”. “E poi c’è la cura della persona – aggiunge il presidente Mocella - Parrucchieri ed estetisti su appuntamento, muniti di dispositivi di protezione individuale e di quanto necessario per proteggere la clientela, sono nelle condizioni di ricominciare. Non c’è motivo di aspettare fino a giugno, quando poi si consente di far salire fino a 15-20 persone su un bus. Finora queste aziende non hanno ottenuto aiuti concreti da nessuno. Hanno voglia di rimettersi in moto con le proprie forze, ma hanno anche necessità di liquidità attraverso risorse a fondo perduto”.   “Si deve ripartire dalla centralità del lavoro. E’ il lavoro che dà dignità alle persone e che è al centro della Costituzione. Il lavoro vero non lo crea lo stato o l’assistenzialismo, il lavoro vero lo creano le imprese”, conclude Mocella.

Condividi