IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Covid-19, aggiornamento contagi: sono 163 i positivi di oggi
Fiamme a un escavatore nei pressi del cimitero, s'indaga
Truffe agli anziani irpini, arrestato 43enne di Napoli
SuperEnalotto, centrato un 5 a Mercogliano
Volturara Irpina, sono 72 i contagiati da Covid-19 a "Villa Clementina"
Covid-19, aggiornamento contagi: 137 positivi. Allarme a Sturno e Candida
Sequestrata marijuana a Nusco, nei guai 4 giovani. Uno è minorenne
Covid-19, anziana muore dopo poche ore dal ricovero. È la 19esima vittima in Irpinia
Sequestro di armi a Montemarano, denunciato un 70enne
Avellino, sale il numero dei contagi: sono 247 i positivi di oggi

 

Asse Valle Caudina-Pianodardine, l'affidamento torna all'Asi

Giulio Belmonte (Asi)

(Giulio Belmonte (Asi))
(Foto: Irpiniareport)

Dalla Regione Campania buone notizie per l’Asi. A due anni dalla delibera di Giunta che affidava all’Anas la gestione dell’asse attrezzato Valle Caudina- Pianodardine, il Presidente Caldoro sembrerebbe pronto a fare dietrofront. La conferma, dopo mesi di riunioni tra il Presidente Belmonte e i tecnici degli uffici regionali competenti, arriva da una nota, datata 25.06.2013, a firma del Presidente, con la quale la Regione invita l’Asi a predisporre l’aggiornamento del progetto ed il cronoprogramma dei lavori, al fine di rendere rapidamente appaltabile l’opera.
“Rispondo con i fatti –ha commentato il Presidente Belmonte- a chi ci ha accusato di immobilismo. Abbiamo portato avanti, da soli, una difficile battaglia contro una decisione che rischiava di bloccare definitivamente il completamento dell’opera; basti pensare che l’Anas, che nel 2011 è stato indicato come soggetto attuatore, in due anni non ha fatto assolutamente nulla. I nostri uffici, ora, stanno predisponendo tutti gli atti necessari a fare in modo che l’ente si riappropri di una sua opera strategica e a consentire che, nel pieno rispetto dei tempi dettati dalla normativa europea, si proceda all’appalto dei lavori. All’amico Pasquale Ricci, che ha chiamato a raccolta tutti gli amministratori della Valle Caudina ed i parlamentari regionali per manifestare contro il rischio di un taglio dei finanziamenti, oltre ad esprimere il mio rammarico per non essere stato invitato a prendere parte alla mobilitazione, nonostante abbia manifestato la mia disponibilità a farlo, dico di andare avanti con convinzione e determinazione sulla strada intrapresa. Anche noi, del resto, continueremo a fare la nostra parte, affinché si scongiuri il rischio di un ulteriore scippo ai danni dell’Irpinia e si arrivi in tempi rapidi al completamento dei restanti lotti funzionali”.

Condividi