IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, nessun allarme meningite all'istituto "Enrico Cocchia". La nota dell'Asl
Finge di essere stata investita da un'auto pirata per truffare l'assicurazione, denunciata
Maxi sequestro di prodotti fitosanitari in un negozio, sospesa la vendita. Sanzione da 10mila euro
Mascarata Serinese, Carnevale Princeps Irpino e Trekking in Maschera: ecco il programma
Incidente sull'Ofantina, ferite due donne. Strada chiusa
Avellino, tre nuove farmacie apriranno in città
Serino, fa irruzione nella caserma e aggredisce i carabinieri. Arrestato immigrato
Schianto sull'Ofantina, tre feriti gravi
Avellino, sferra un pugno al carabiniere per sottrarsi al controllo. In manette 23enne
Avellino, palpeggia ragazza a bordo del bus. Arrestato 50enne

 

Avvicendamento vertici Fca, Cgil: «Chiarezza sul futuro dello stabilmento di Pratola Serra»

Lo stabilimento Fca di Pomigliano

(Lo stabilimento Fca di Pomigliano)
(Foto: Irpiniareport)

Il segretario generale della Cgil di Avellino, Franco Fiordellisi, commenta l'avvicendamento definito d'urgenza dei CdA di Fca, Ferrari, Cnh con la sostituzione di Sergio Marchionne - al quale siamo vicini umanamente per i gravi problemi di salute - con il manager inglese Mike Manley per Fca, la manager inglese Suzanne Heyhood per Cnh e alla Ferrari lo statunitense Luis Carey Camilleri, auspicando una svolta concreta e positiva per lo stabilimento di Pratola Serra considerate le incertezze degli ultimi tempi». «I fatti di ieri – osserva Fiordellisi - danno il segno della portata storica di questi cambi e la possibilità che per Fca - multinazionale globale, ottavo produttore mondiale di auto, che dal 2000 ad oggi in Italia ha però ridotto di trequarti i dipendenti diretti passando dai 120mila del 2000 agli attuali 29mila - possa finalmente iniziare una nuova stagione». «Tuttavia, bisogna immediatamente invertire la rotta. Infatti, bisogna colmare il preoccupante ritardo negli investimenti sulla trazione ibrida ed elettrica che coinvolge in particolare i due stabilimenti di produzione motori diesel, quelli di Pratola Serra e di Cento. La Camera del lavoro di Avellino ha supportato tutte le azioni messe in essere dalla Fiom Cgil per sensibilizzare sul rischio che corrono dal 2021 i 1800 addetti dell’industria della Valle del Sabato: ci siamo rivolti ai lavoratori e alle altre sigle sindacali firmatarie del Ccsl, di prossima scadenza, per avviare un'azione unitaria verso la Fca e fare chiariezza sul futuro di Pratola Serra, chiedendo investimenti e lo spostamento di produzioni sull'area avellinese».

Condividi