IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, armato di pistola esplode colpi a Corso Europa. Fermato 50enne
Gogna consiglieri, Ugo Maggio: "Rinnovo l'invito a moderare i toni"
Prezzi non esposti in vetrina, multe per 3mila euro a 16 negozi di Avellino e Atripalda
Avellino, sequestro di frutta e verdura a Pianodardine
Ritirati dagli scaffali di un negozio di Avellino 44mila giocattoli pericolosi
Calcio Avellino, De Cesare: "Siamo pronti al ripescaggio in C, ma facciamo le cose per gradi"
Bottiglie di acqua "Santa Croce" ritirate dal mercato
Festival del Cinema a Taurasi, al via la prima edizione. Concorsi, mostre e concerti
Assalto allo store di elettronica, rubati cellulari e computer
Rischio brucellosi, sequestrato un intero gregge

 

Avvicendamento vertici Fca, Cgil: «Chiarezza sul futuro dello stabilmento di Pratola Serra»

Lo stabilimento Fca di Pomigliano

(Lo stabilimento Fca di Pomigliano)
(Foto: Irpiniareport)

Il segretario generale della Cgil di Avellino, Franco Fiordellisi, commenta l'avvicendamento definito d'urgenza dei CdA di Fca, Ferrari, Cnh con la sostituzione di Sergio Marchionne - al quale siamo vicini umanamente per i gravi problemi di salute - con il manager inglese Mike Manley per Fca, la manager inglese Suzanne Heyhood per Cnh e alla Ferrari lo statunitense Luis Carey Camilleri, auspicando una svolta concreta e positiva per lo stabilimento di Pratola Serra considerate le incertezze degli ultimi tempi». «I fatti di ieri – osserva Fiordellisi - danno il segno della portata storica di questi cambi e la possibilità che per Fca - multinazionale globale, ottavo produttore mondiale di auto, che dal 2000 ad oggi in Italia ha però ridotto di trequarti i dipendenti diretti passando dai 120mila del 2000 agli attuali 29mila - possa finalmente iniziare una nuova stagione». «Tuttavia, bisogna immediatamente invertire la rotta. Infatti, bisogna colmare il preoccupante ritardo negli investimenti sulla trazione ibrida ed elettrica che coinvolge in particolare i due stabilimenti di produzione motori diesel, quelli di Pratola Serra e di Cento. La Camera del lavoro di Avellino ha supportato tutte le azioni messe in essere dalla Fiom Cgil per sensibilizzare sul rischio che corrono dal 2021 i 1800 addetti dell’industria della Valle del Sabato: ci siamo rivolti ai lavoratori e alle altre sigle sindacali firmatarie del Ccsl, di prossima scadenza, per avviare un'azione unitaria verso la Fca e fare chiariezza sul futuro di Pratola Serra, chiedendo investimenti e lo spostamento di produzioni sull'area avellinese».

Condividi