IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Pullman di pellegrini in fiamme, paura sull'A16. Provenivano da San Giovanni Rotondo
Civitavecchia, l'esperto Gerardo Galasso relatore del convegno su prevenzione e sicurezza
Stop al diabete: tre giornate di screening gratuiti a San Michele, Santa Lucia e Serino
Medico muore durante il turno di notte, s'indaga
Sequestro di caciocavalli in un caseificio, nei guai la titolare
Alla ricerca di funghi senza autorizzazione, multe salate per due uomini
Capannone agricolo adibito a officina meccanica, denunciati i titolari
Irpinia Sistema Turistico fa tappa a Sant'Angelo dei Lombardi. Focus sul gas radon
Agronomi e funzionari dell’Arpac a confronto sulle attività agroalimentari
Avellino, forzano un posto di blocco e nella fuga tentano di investire un agente. Nei guai 2 ragazzi

 

Bus Calitri-Avellino, la Provincia scrive all’azienda Di Maio: “La corsa delle 5,45 verso il capoluogo non va soppressa”

Un autobus

(Un autobus)
(Foto: Irpiniareport)

La Provincia di Avellino, attraverso il Settore Ambiente e Viabilità, ha inviato una nota all’azienda Di Maio Tpl Srl di Calitri, a seguito della richiesta di un gruppo di cittadini che fruisce della corsa del bus Calitri-Avellino delle ore 5,45 con arrivo alle 7,35, con la quale si chiede di intervenire rispetto alla decisione dell’azienda di sospendere tale corsa nel periodo compreso dal 5 al 31 agosto. Una scelta che determina non pochi disagi per l’utenza dell’Alta Irpinia. Pertanto, l’Amministrazione provinciale invita l’azienda Di Maio Tpl Srl di Calitri a desistere dalla manifestata volontà di sospensione del servizio, ripristinando la corsa così come usualmente effettuata, al fine di evitare disagi ai viaggiatori. Nella lettera all’azienda, il Settore Ambiente e Viabilità rimarca che l’organizzazione del trasporto pubblico locale è regolata da rigide norme, oltre che dall’obbligazione contrattuale assunta con la Provincia. Ogni variazione al programma di esercizio, anche se motivata, va autorizzata dall’Ente. Le ditte affidatarie del servizio di trasporto pubblico locale sono tenute a comunicare con congruo anticipo anche le variazioni al programma delle corse che non godono del beneficio contributivo dando tempo di effettuare, se possibile, correttivi al piano. L’Amministrazione Provinciale resta in attesa di un sollecito e positivo riscontro alla nota, anche in relazione a colloqui intercorsi con l’azienda stessa.

Condividi