IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Rando Tour Campania, trionfo del circolo Amatori della Bici di Atripalda
Irpinia Sistema Turistico, proroga termine manifestazione di interesse: accolta con favore la richiesta dell'Ordine dei Commercialisti
Lutto tra gli avvocati irpini: è morto il penalista Massimo Preziosi
Presi i ladri dei garage di Avellino e hinterland
Le auto storiche e da corsa sfilano a San Potito Ultra
Controlli nei frantoi irpini, multe salate per due titolari
Picchia la figlia con un bastone, arrestato padre violento
Rinvenuto cadavere in un appartamento, s'indaga
Schianto tra autobus e compattatore, paura per 10 bambini
Avellino, incidente in via Due Principati: auto sbanda e finisce nella scarpata. Ferita una ragazza

 

Cattivi odori ad Arcella, Troncone annuncia mobilitazione

La protesta dei cittadini di Arcella

(La protesta dei cittadini di Arcella)
(Foto: Irpiniareport)

MONTEFREDANE - Situazione ambientale insostenibile. Ad Arcella riesplode la protesta dei cittadini che denunciano l'impossibilità di vivere nella Valle del Sabato a causa dei cattivi odori sprigionati dalle industrie che trattano rifiuti. Da diversi giorni l'aria è irrespirabile complice le alte temperature climatiche. Un reiterato disagio che per i cittadini della zona non può essere ulteriormente accettato. Ieri sera, dopo un lungo incontro, si è deciso di organizzare una nuova mobilitazione. Una “marcia per l'ambiente” al fine di richiamare nuovamente l'attenzione delle istituzioni preposte. Della situazione si dice fortemente preoccupato l'ex sindaco di Montefredane, Carmine Troncone, che annuncia una serie di atti di cui si farà promotore. “Presenterò nelle prossime ore un'interrogazione al sindaco di Montefredane – afferma il leader dell'opposizione Troncone – per capire quali iniziative intenda assumere, considerati i vasti problemi ambientali in cui si trova coinvolta la nostra comunità. C'è sfiducia e rassegnazione tra i cittadini, perchè in questi anni oltre alle chiacchiere e alla demagogia, non è stata assunta alcuna iniziativa per la salvaguardia ambientale e per la salubrità”. Per il capo della minoranza consiliare al comune di Montefredane “è doveroso un intervento degli Enti preposti, in particolare dell'Asl, Arpac e anche della magistratura, qualora fossero riscontrate delle irregolarità”.

Condividi