IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Pietrastornina, il prefetto Matteo Piantedosi intervista Marino Bartoletti autore dell'almanacco del Festival di Sanremo
Esplosione al bancomat, ladri in fuga con il bottino
Muore investito da un'auto. Tragedia sulla SS Appia
Tragedia a Serino, muore 18enne durante la festa di compleanno
Furti nelle abitazioni e nei locali. I ladri banchettano nella cucina di un agriturismo
Auto prende fuoco mentre sale verso il Santuario di Montevergine, salva una famiglia
Giro di assegni clonati per un valore di 190mila euro, nei guai 10 persone
Imprenditore tenta di togliersi la vita impiccandosi, salvato in extremis da un 16enne
Atripalda, scoppia la rissa in un bar di via Appia. Denunciati in tre
Ritrovata nella notte Lidia Famiglietti, la 16enne scomparsa ieri da Ariano Irpino

 

Cattivi odori ad Arcella, Troncone annuncia mobilitazione

La protesta dei cittadini di Arcella

(La protesta dei cittadini di Arcella)
(Foto: Irpiniareport)

MONTEFREDANE - Situazione ambientale insostenibile. Ad Arcella riesplode la protesta dei cittadini che denunciano l'impossibilità di vivere nella Valle del Sabato a causa dei cattivi odori sprigionati dalle industrie che trattano rifiuti. Da diversi giorni l'aria è irrespirabile complice le alte temperature climatiche. Un reiterato disagio che per i cittadini della zona non può essere ulteriormente accettato. Ieri sera, dopo un lungo incontro, si è deciso di organizzare una nuova mobilitazione. Una “marcia per l'ambiente” al fine di richiamare nuovamente l'attenzione delle istituzioni preposte. Della situazione si dice fortemente preoccupato l'ex sindaco di Montefredane, Carmine Troncone, che annuncia una serie di atti di cui si farà promotore. “Presenterò nelle prossime ore un'interrogazione al sindaco di Montefredane – afferma il leader dell'opposizione Troncone – per capire quali iniziative intenda assumere, considerati i vasti problemi ambientali in cui si trova coinvolta la nostra comunità. C'è sfiducia e rassegnazione tra i cittadini, perchè in questi anni oltre alle chiacchiere e alla demagogia, non è stata assunta alcuna iniziativa per la salvaguardia ambientale e per la salubrità”. Per il capo della minoranza consiliare al comune di Montefredane “è doveroso un intervento degli Enti preposti, in particolare dell'Asl, Arpac e anche della magistratura, qualora fossero riscontrate delle irregolarità”.

Condividi