IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Sequestrati due quintali di salumi, mozzarella e pasta fresca
Schianto nella notte sull'Ofantina, cinque feriti
Munizioni della Seconda Guerra Mondiale ritrovate in un fabbricato, s'indaga
Investe una donna e fugge. Rintracciato e denunciato il pirata della strada
Esaudito il desiderio della piccola Giovanna: video chiamata con i "Me contro Te"
Precipita dall'ultimo piano, muore studentessa. Tragedia al campus di Fisciano
Open Day delle malattie della pelle, al Moscati visite dermatologiche gratuite
Incidente nella galleria di Solofra, ferita una 60enne di Aiello
Giovane professore si toglie la vita lanciandosi giù dal ponte
Scuola Premio Digitale, il Convitto nazionale "Colletta" polo provinciale per l'innovazione tecnologica

 

Cervinara, la Cmc321 ricorda i caduti caudini

Lo striscione della Cmc321 a Cervinara

(Lo striscione della Cmc321 a Cervinara)
(Foto: Irpiniareport)

CERVINARA - Caudium rende omaggio ai soldati caudini Caduti nelle Guerre mondiali con uno striscione esposto alla base del monumento “La Madre degli eroi” in villa comunale a Cervinara. Il 4 novembre è la festa delle Forze Armate e dell’Unità Nazionale e per i giovani militanti della Comunità Militante Caudina 321 questa data rappresenta un evento spirituale molto sentito. «La commemorazione delle decine di giovani della Valle Caudina, che hanno versato il loro sangue per la Patria, è un appuntamento importante per la nostra comunità, oltre le cerimonie di rito – dichiara il Direttivo in una nota. A cento anni dall’entrata nella Grande Guerra è doveroso onorare chi ha dato tutto per l’Italia. L’unione della Valle Caudina passa anche da una memoria condivisa e non a caso abbiamo scelto la frase Onore ai Caduti Caudini per ribadire questo concetto identitario, sia nazionale che territoriale». Il comunicato si conclude con una riflessione sulla storia d’Italia: «L’unità fu consacrata anche dai caudini nelle trincee del Settentrione, sul Piave e nelle battaglie cruente del secondo conflitto mondiale, dall’eroica El Alamein alla tragica esperienza sul fronte sovietico. Il finto Risorgimento, che porta la firma di Cavour e Garibaldi, è stata un’occupazione del Sud, che venne letteralmente massacrato e saccheggiato per interessi di potere, non per i valori patriottici. La Cmc321 difende le radici e la storia di una nazione che ha perso la legittima sovranità popolare e non deve smarrire il legame con il glorioso passato di nostri avi».

Condividi