IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Abusi sessuali su una 14enne, arrestato un parente
A fuoco impianto trattamento rifiuti di Pianodardine
Us Avellino fuori dalla serie B. I lupi si consolano con l'1-1 contro la Roma
Ritardi nei pagamenti dei buoni libri, il sindaco Ciampi risolve la questione: "Dal 26 luglio via libera ai contributi"
"Proteggiamo le tartarughe marine", incontro informativo ad Avellino
Montemiletto, il Castello della Leonessa si veste di bianco: al via White Castle
Ariano Irpino, riapre la strada Manna-Tre Torri
Fca, sindacati uniti per il futuro di Pratola Serra
Ottenere più consiglieri, Ciampi pensa al ricorso al Tar
Lanciarono uova contro i lavoratori Ipercoop, in 5 nei guai

 

"De Sanctis e lo stato moderno", incontro a Bisaccia

Il Castello di Bisaccia

(Il Castello di Bisaccia)
(Foto: Irpiniareport)

“De Sanctis e lo stato moderno” questo il tema del settimo appuntamento del ciclo di incontri portati avanti dal Comitato provinciale per le celebrazioni del bicentenario della nascita di Francesco De Sanctis. Il dibattito si terrà sabato, 14 ottobre, a partire dalle ore 10.00, presso il castello ducale di Bisaccia. A salutare la platea e ad introdurre l’incontro Domenico Gambacorta, presidente della Provincia di Avellino e Marcello Arminio, sindaco di Bisaccia. Interverranno il professore Francesco Barra, docente presso l’Università degli Studi di Salerno e l’onorevole Giuseppe Gargani del Centro studi giuridici per l’integrazione europea diritti e libertà. Gli incontri organizzati dal Comitato provinciale per le celebrazioni del Bicentenario della nascita di Francesco De Sanctis hanno preso il via lo scorso 24 aprile, e si sono tenuti in vari comuni irpini citati da De Sanctis nel celebre “Un viaggio elettorale. Sant’Angelo dei Lombardi, Andretta, Morra de Sanctis e Lacedonia hanno infatti visto presentare la figura di De Sanctis sotto vari aspetti: filosofo, educatore, politico e giornalista. Del Comitato Provinciale - costituito con provvedimento del presidente della Provincia – fanno parte sindaci, amministratori, imprenditori, dirigenti di istituzioni e di aziende, docenti universitari, giornalisti e studiosi.

Condividi