IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Fiume Sabato, cominciata l’installazione di altre sei centraline. Il consigliere Galdo: “Massima attenzione per la parte di nostra competenza”
Lavorava con il reddito di cittadinanza, operaio denunciato per truffa
Grande successo per la prima edizione della "Randonnèe Terre Irpine"
"Più sicuri insieme – Campagna Sicurezza per gli anziani”, oggi convegno a Lacedonia -
Atripalda, sequestrati 300 chili di pesce fresco e 28 bottiglie di alcol contraffatto. Chiuso un bar
Paura nella notte a San Potito Ultra, in fiamme tre auto in via Tofaniello
Fiamme alla saracinesca del negozio di arredi, s'indaga
Ritirati dal mercato bocconcini di salame per rischio salmonella
Forte scossa di terremoto ad Atene, telecomunicazioni interrotte
Manocalzati, tenta di acquistare un'auto di lusso con documenti falsi. In manette truffatore seriale

 

Ex Irisbus IIA, Leonardo Invitalia e Ferrovie dello Stato pronti a ricapitalizzare l’azienda. Galano (Fim Cisl): "Soluzione positiva"

Luigi Galano

(Luigi Galano)
(Foto: Irpiniareport)

"Leonardo Invitalia e Ferrovie dello stato pronti a ricapitalizzare l’azienda, purché l’azienda sia in vita. Oggi l’assemblea dei soci deve decidere Intanto busitalia paga fatture per coprire gli stipendi di settembre, provvedendo al pagamento di debiti pregressi contratti con l'azienda a patto che siano destinati ad un conto corrente non canalizzato e destinato unicamente a pagare le spettanze dovute ai lavoratori", dichiara Luigi Galano, segretario generale della Fim Cisl IrpiniaSannio. "Come Fim Cisl - prosegue Galano - consideriamo positiva la possibile soluzione societaria, ma attendiamo il piano di reindustrializzazione dei siti produttivi. Ci aspettiamo un senso di responsabilità dell'assemblea dei soci". Oggi presidio della Fim Territoriale e Nazionale presso la sede dove si svolgerà l'assemblea dei soci che dovrà deliberare sulla prosecuzione del progetto industriale oppure la messa in liquidazione. "Non torneremo dai lavoratori senza una risposta certa alle loro legittime preoccupazioni", conclude Galano.

Condividi