IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, al via il Festival dello Sviluppo Sostenibile 2019. L'evento promosso dagli agronomi irpini
Avellino, ruba l'identità dello zio per incassare il denaro del libretto postale. Arrestato 46enne
Cesinali, successo e partecipazione per la Passeggiata Ecologica organizzata dai bambini della scuola primaria
Incassa i risarcimenti dei propri clienti, nei guai avvocato 45enne
Il ministro Lezzi in Irpinia, ecco le tappe
Bilancio, assemblea dei sindaci a Palazzo Caracciolo
Minacce al comandante Arvonio, la solidarietà del presidente Biancardi
In trasferta da Foggia per commettere furti in Irpinia, fermati 5 pregiudicati
Ruba i dati di una carta di credito per acquistare il televisore, nei guai una 45enne
Tangenti per pilotare le sentenze, 14 arresti. Coinvolti due irpini

 

Ex Irisbus IIA, Leonardo Invitalia e Ferrovie dello Stato pronti a ricapitalizzare l’azienda. Galano (Fim Cisl): "Soluzione positiva"

Luigi Galano

(Luigi Galano)
(Foto: Irpiniareport)

"Leonardo Invitalia e Ferrovie dello stato pronti a ricapitalizzare l’azienda, purché l’azienda sia in vita. Oggi l’assemblea dei soci deve decidere Intanto busitalia paga fatture per coprire gli stipendi di settembre, provvedendo al pagamento di debiti pregressi contratti con l'azienda a patto che siano destinati ad un conto corrente non canalizzato e destinato unicamente a pagare le spettanze dovute ai lavoratori", dichiara Luigi Galano, segretario generale della Fim Cisl IrpiniaSannio. "Come Fim Cisl - prosegue Galano - consideriamo positiva la possibile soluzione societaria, ma attendiamo il piano di reindustrializzazione dei siti produttivi. Ci aspettiamo un senso di responsabilità dell'assemblea dei soci". Oggi presidio della Fim Territoriale e Nazionale presso la sede dove si svolgerà l'assemblea dei soci che dovrà deliberare sulla prosecuzione del progetto industriale oppure la messa in liquidazione. "Non torneremo dai lavoratori senza una risposta certa alle loro legittime preoccupazioni", conclude Galano.

Condividi