IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Prevenzione furti in provincia, 40enne napoletano fermato dai carabinieri
Nascondeva marijuana nel contatore della corrente, nei guai 30enne
Ubriaco alla guida rischia di provocare incidente. Denunciato 30enne
Lavoratori in nero e costruzioni abusive nei pressi del fiume Calore, nei guai un imprenditore
Non mandano la figlia a scuola, denunciati genitori di Mercogliano
Pullman di pellegrini in fiamme, paura sull'A16. Provenivano da San Giovanni Rotondo
Civitavecchia, l'esperto Gerardo Galasso relatore del convegno su prevenzione e sicurezza
Stop al diabete: tre giornate di screening gratuiti a San Michele, Santa Lucia e Serino
Medico muore durante il turno di notte, s'indaga
Sequestro di caciocavalli in un caseificio, nei guai la titolare

 

Ex Irisbus IIA, Leonardo Invitalia e Ferrovie dello Stato pronti a ricapitalizzare l’azienda. Galano (Fim Cisl): "Soluzione positiva"

Luigi Galano

(Luigi Galano)
(Foto: Irpiniareport)

"Leonardo Invitalia e Ferrovie dello stato pronti a ricapitalizzare l’azienda, purché l’azienda sia in vita. Oggi l’assemblea dei soci deve decidere Intanto busitalia paga fatture per coprire gli stipendi di settembre, provvedendo al pagamento di debiti pregressi contratti con l'azienda a patto che siano destinati ad un conto corrente non canalizzato e destinato unicamente a pagare le spettanze dovute ai lavoratori", dichiara Luigi Galano, segretario generale della Fim Cisl IrpiniaSannio. "Come Fim Cisl - prosegue Galano - consideriamo positiva la possibile soluzione societaria, ma attendiamo il piano di reindustrializzazione dei siti produttivi. Ci aspettiamo un senso di responsabilità dell'assemblea dei soci". Oggi presidio della Fim Territoriale e Nazionale presso la sede dove si svolgerà l'assemblea dei soci che dovrà deliberare sulla prosecuzione del progetto industriale oppure la messa in liquidazione. "Non torneremo dai lavoratori senza una risposta certa alle loro legittime preoccupazioni", conclude Galano.

Condividi