IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Schianto frontale sull'Ofantina, due feriti
Arrestato sull'Ofantina dopo inseguimento, in auto aveva 19 dosi di eroina
Serino, si appropria di un portafoglio con 1200 euro. Denunciato 60enne
Carne di agnello in cattivo stato, sequestro in una macelleria. Nei guai il titolare
Cumulo di rifiuti speciali presso un'officina, denunciato il titolare
Calci e pugni ad un cliente del bar, arrestato 50enne
Furti in abitazione, sgominata banda di ladri. Arrestati tre avellinesi
Benedizione degli animali a Cesinali, nel cuore antico si rinnova la tradizione
Avellino, fuga di gas in un palazzo. Paura in via Roma
Rottura condotta idrica, diversi Comuni irpini senz'acqua, Anche Avellino e Atripalda

 

Festa dell'Europa 2018, un mese di eventi ad Avellino

Festa dell'Europa 2018 - presentazione del cartellone

(Festa dell'Europa 2018 - presentazione del cartellone)
(Foto: Irpiniareport)

AVELLINO - A 68 anni dalla dichiarazione Schumann che segnò il primo passo verso l’unità politico-economica del Vecchio Continente, l’Amministrazione Comunale presenta la “Festa dell’Europa 2018”. Le iniziative, che si articolano da oggi 9 maggio fino al 27 maggio, sono state presentate questa mattina a Palazzo di Città dagli assessori Arturo Iannaccone (Fondi Europei) ed Ugo Tomasone (Urbanistica) accompagnati dalla responsabile dell'Unità di Comunicazione del Servizio Strategico Europa, Lorena Battista. Approfondito il cartellone stilato per questa edizione che ha come tema il patrimonio culturale e le politiche di coesione per i giovani europei, è partito oggi con la partecipazione di due Istituti Superiori, il Liceo Statale P.E. Imbriani e l'ITE Amabile, all'evento promosso dall'Unione Europea nell'ambito della campagna #EuinmyRegion, presso la sede dell'Università Federico II a San Giovanni a Teduccio. Il 10 maggio è prevista la rappresentazione teatrale degli studenti del Liceo P.E. Imbriani nella giornata dedicata all’Universo Femminile e all’Evoluzione Linguistica. Sempre presso l’istituto di via Pescatori, il prossimo 16 maggio, si terrà il seminario “Politiche di Coesione Europee – Monitoraggio Civico nella scuole di Avellino” alla presenza dello scrittore Pino Aprile. Il 18, a Villa Amendola, si parlerà della “Dimensione Europea del Patrimonio Culturale” ed il 25 gli alunni dell’”I.C. Regina Margherita – Leonardo da Vinci” illustreranno i lavori dei Laboratori P.O.N. nell’evento dedicato alle Politiche di Coesione. “Parliamo di Europa in un momento di forte crisi nell’ambito delle Politiche Comunitarie. – ha affermato Arturo Iannaccone, Assessore ai Fondi Europei – Il focus di quest’anno è sulle Politiche di Coesione, necessarie per rilanciare le aree svantaggiate, soprattutto nel Mezzogiorno d’Italia. Saranno presenti nomi importanti, come l’Assessore ai Fondi Europei della Regione Campania, Serena Angioli, Gianpaolo Basile, docente di Destination Management e – Consulente per le Politiche regionali e le strategie di sviluppo locale del Parlamento Europeo e lo scrittore Pino Aprile. Guarderemo anche alla dimensione culturale europea alla presenza del Presidente del Consiglio Regionale, Rosa D’Amelio, e del vicepresidente della Commissione parlamentare per lo sviluppo regionale, Andrea Cozzolino. Mi auguro che questo rappresenterà un’occasione utile per far conoscere il lavoro dell’Unione Europea”. Si parlerà anche di mobilità. Il 24 maggio, presso la Sala Stampa del Comune di Avellino, verrà sottoscritto il Protocollo d’Intesa tra il Comune di Avellino e le Ferrovie dello Stato in merito agli interventi di riqualificazione della Stazione Ferroviaria. Le ultime due giornate della “Festa dell’Europa 2018” coincideranno con la riapertura della tratta storica Avellino-Rocchetta Sant’Antonio, prevista per il 26 ed il 27 maggio prossimi. “Riqualificare l’area della stazione – ha sottolineato Ugo Tomasone, Assessore all’Urbanistica – può segnare il rilancio dell’area est della città. La mobilità futura del capoluogo è legata all’interscambio ferro-gomma e dal rilancio di una stazione, centrale nelle politiche di Area Vasta, in cui potranno convergere 200mila persone”.

Condividi