IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Esplosione al bancomat, torna in azione la banda della marmotta
Tragico incidente nella notte, perdono la vita zio e nipote di 15 anni
Raid al ristorante, le impronte incastrano il ladro
Bruciano tre auto nella notte, s'indaga
Muore sotto gli occhi del figlio, tragedia in autogrill
Furto al Comune di Cervinara, rubati 1000 euro e le carte d'identità
L'assessore regionale Lucia Fortini all'Istituto Comprensivo di Aiello del Sabato per il progetto "Scuola Viva"
Spaccio di droga, 30enne arrestato. In casa nascondeva hashish
Abbattono il muro divisorio e si appropriano dell'appartamento adiacente, nei guai marito e moglie
Cesinali, al via i festeggiamenti di San Gerardo. Weekend di musica, degustazione e divertimento

 

Fiume Sabato, cominciata l’installazione di altre sei centraline. Il consigliere Galdo: “Massima attenzione per la parte di nostra competenza”

Il fiume Sabato in piena

(Il fiume Sabato in piena)
(Foto: Irpiniareport)

“Massima attenzione da parte dell’Amministrazione Provinciale sulla situazione del fiume Sabato per le funzioni di competenza. Da alcuni giorni è cominciato l’intervento per l’installazione di altre centraline di monitoraggio lungo il corso d’acqua”, annuncia il consigliere provinciale con delega all’Ambiente, Gerardo Galdo. Entro il mese di settembre queste sei apparecchiature entreranno in funzione per controllare una fetta importante del fiume. “Le nuove centraline verificheranno la qualità e la quantità delle acque del Sabato nel tratto compreso tra il nucleo industriale di Pianodardine, fino allo Stretto di Barba nel comune di Chianche, quindi nei territori di Montefredane, Pratola Serra-Prata Principato Ultra, Tufo, Altavilla Irpina”, spiega il consigliere Galdo. Queste sei apparecchiature, che hanno comportato un investimento complessivo da parte della Provincia pari a circa 450mila euro, vanno ad aggiungersi a quelle già in funzione sempre sul fiume Sabato e sul torrente Solofrana. “Per quanto ci riguarda – conclude Gerardo Galdo – continueremo a monitorare i corsi d’acqua di nostra competenza. Non nascondiamo la preoccupazione per quanto sta avvenendo e apprezziamo l’impegno e l’attivismo delle associazioni che mantengono desta l’attenzione sui problemi ambientali della Valle del Sabato”.

Condividi