IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Ferragosto in Irpinia, scattati i controlli per garantire sicurezza e legalità
Coltivavano piante di cannabis, nei guai padre e figlia
Pugni e schiaffi a un giovane per rapinarlo dello smartphone, arrestato napoletano
Tragedia sfiorata in autostrada: albero cade sull'A16
Avellino, movida e assembramenti: vietata la vendita di alcolici dopo le 21 nei market
Guasto condotta idrica a Mercogliano, dieci Comuni senz'acqua
Ospedale di Solofra, restituiti ai donatori i 230mila euro raccolti per la realizzazione della terapia intensiva
Uffici Postali aperti a Ferragosto, 160 ad Avellino e provincia
Raid vandalico al campo estivo: gazebo, sedie e tavoli distrutti
Abbruciamento di residui a Montevergine rischia di provocare un incendio, la denuncia dell'Osservatorio Meteorologico

 

"I semi delle favole", domani la presentazione ad Ariano

Il libro è dedicato ai più giovani

Uno scorcio di Ariano

(Uno scorcio di Ariano)
(Foto: Irpiniareport)

“Settimana della cultura”: in biblioteca presentazione del libro per ragazzi “I semi delle favole”. Sono soprattutto bambini e ragazzi i protagonisti di questa “Settimana della cultura ad Ariano Irpino. Domani, venerdì 15 aprile alle ore 10,00 presso la Biblioteca Comunale “P.S. Mancini” un nuovo appuntamento dedicato a loro: sarà presentato, come detto, il libro di Vincenzo Tedeschini “I semi delle favole” di Albus Edizioni. Hanno già manifestato la loro adesione le scuole elementari dei Pasteni e dei Martiri; circa un centinaio di bambini incontreranno l'autore e la disegnatrice che ha realizzato le illustrazioni a corredo delle favole. Si tratta, infatti, di una raccolta di racconti per bambini ma anche per coloro che, anagraficamente bambini non lo sono più, ma desiderano per qualche attimo tornare ad esserlo. Dieci storie con altrettanti protagonisti che prendono per mano il lettore e lo conducono in una dimensione ludica e infantile. Favole da leggere, zitti zitti, davanti al camino, come si faceva una volta.

Condividi