IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, ruba l'identità dello zio per incassare il denaro del libretto postale. Arrestato 46enne
Cesinali, successo e partecipazione per la Passeggiata Ecologica organizzata dai bambini della scuola primaria
Incassa i risarcimenti dei propri clienti, nei guai avvocato 45enne
Il ministro Lezzi in Irpinia, ecco le tappe
Bilancio, assemblea dei sindaci a Palazzo Caracciolo
Minacce al comandante Arvonio, la solidarietà del presidente Biancardi
In trasferta da Foggia per commettere furti in Irpinia, fermati 5 pregiudicati
Ruba i dati di una carta di credito per acquistare il televisore, nei guai una 45enne
Tangenti per pilotare le sentenze, 14 arresti. Coinvolti due irpini
Busta con proiettile al comandante dei vigili Arvonio, s'indaga

 

Il personale della Biblioteca e dei Musei torna nei ruoli della Provincia

Il presidente Biancardi approva il provvedimento

La Biblioteca provinciale e Museo Irpino di Avellino

(La Biblioteca provinciale e Museo Irpino di Avellino)
(Foto: Irpiniareport)

Il personale assegnato dalla Regione Campania per lo svolgimento della funzione delegata “Musei, Biblioteche e Pinacoteche” torna nei ruoli e nell’organico della Provincia. Il presidente Domenico Biancardi ha approvato il provvedimento con il quale si supera una fase d’impasse che si trascinava da circa tre anni. A seguito della legge 56/2014, la riforma “Delrio”, questi lavoratori sono rimasti nel limbo, in considerazione del fatto che la Regione Campania ha sempre rifiutato il passaggio nei propri ruoli. Contro questa decisione gli stessi lavoratori a tempo indeterminato, con l’intervento ad adiuvandum della Provincia di Avellino, hanno avviato un contenzioso. Il giudizio di Appello è ancora in corso. Considerata quale priorità l’esigenza di “certezza giuridica e di stabilità”, cui i lavoratori in questione, già dipendenti della Provincia a tempo indeterminato, hanno certamente diritto, il presidente ha approvato il provvedimento per riassorbirli. La spesa derivante resta assunta in carico alla Regione Campania.

Condividi