IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, appartamento in fiamme a Borgo Ferrovia
Aiello del Sabato, sorpresi a coltivare droga nei campi. Nei guai marito e moglie
Avellino, truffatore maldestro cade per le scale e si frattura un femore
Assalto in una gioielleria, razzia di orologi e oro. Bottino da quantificare
Tenta il suicidio assumendo psicofarmaci, 34enne salvata in extremis
Fiamme a un deposito, paura per i residenti della zona
Non corre pericolo di vita il 20enne colpito al volto con una mannaia da macellaio
Identificato il cadavere nella piscina: si tratta di un pastore. È mistero sulla morte
Cadavere di un uomo rinvenuto nella piscina, choc in una villa
Avellino, ragazzo investito in via Circumvallazione finisce in ospedale

 

Il personale della Biblioteca e dei Musei torna nei ruoli della Provincia

Il presidente Biancardi approva il provvedimento

La Biblioteca provinciale e Museo Irpino di Avellino

(La Biblioteca provinciale e Museo Irpino di Avellino)
(Foto: Irpiniareport)

Il personale assegnato dalla Regione Campania per lo svolgimento della funzione delegata “Musei, Biblioteche e Pinacoteche” torna nei ruoli e nell’organico della Provincia. Il presidente Domenico Biancardi ha approvato il provvedimento con il quale si supera una fase d’impasse che si trascinava da circa tre anni. A seguito della legge 56/2014, la riforma “Delrio”, questi lavoratori sono rimasti nel limbo, in considerazione del fatto che la Regione Campania ha sempre rifiutato il passaggio nei propri ruoli. Contro questa decisione gli stessi lavoratori a tempo indeterminato, con l’intervento ad adiuvandum della Provincia di Avellino, hanno avviato un contenzioso. Il giudizio di Appello è ancora in corso. Considerata quale priorità l’esigenza di “certezza giuridica e di stabilità”, cui i lavoratori in questione, già dipendenti della Provincia a tempo indeterminato, hanno certamente diritto, il presidente ha approvato il provvedimento per riassorbirli. La spesa derivante resta assunta in carico alla Regione Campania.

Condividi