IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Firmata l’ordinanza per la trasferenza della frazione organica dei rifiuti presso lo Stir
Bicentenario di De Sanctis, a Palazzo Caracciolo la presentazione delle iniziative
Al giornalista Aldo Balestra il Premio Carlo Nazzaro
Parcheggio multipiano del "Moscati", sosta gratuita fino al 15 gennaio
Nell'auto di lusso con mazze da baseball e coltelli, nei guai 55enne
Furto di giocattoli al centro commerciale, denunciate 3 persone
Al via i Mercatini di Natale: luci, suoni e divertimento nel centro storico di Aiello
Consorzio di Tutela dei Vini d'Irpinia, tutto pronto per l'evento "Libiamo ne' lieti calici"
Presentazione del libro di Rosanna Gambone, la nota dell'assessore Preziosi
La storia straordinaria di una donna con un cuore grande: ad Aiello presentato il libro di Rosanna Gambone

 

"Il vino di successo nasce in vigna": gli agronomi irpini al Salone del Vino di Salerno

Ciro Picariello e Antonio Capone

(Ciro Picariello e Antonio Capone)
(Foto: Irpiniareport)

Il vino di successo nasce in vigna. E’ quanto affermano i dottori agronomi irpini che hanno partecipato al Primo Salone del Vino di Salerno nell’incontro dal titolo “Dalla terra al vino: le opportunità del Piano di Sviluppo rurale 2014-2020 in Campania per il settore vinicolo”. Presenti all’evento il presidente dell’Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali della Provincia di Avellino, Ciro Picariello e il vicepresidente Antonio Capone che ha relazionato su “L’agronomo e la qualità in vigna per un vino di successo". “E' ormai risaputo che per produrre un vino di successo è necessario produrre uve di qualità in vigna”, spegano i dottori agronomi. “Questo è dovuto alla vocazionalità del sito , all'interazione tra suolo-clima e vitigno, alle tecniche viticole e agronomiche adottate in vigna. L'agronomo ha un ruolo di grande responsabilità, deve conoscere e prevedere le interazioni che si creano tra suolo- clima e vitigno e in base all'annata e degli obiettivi di qualità, intervenire con le tecniche viticole opportune. In molti distretti di eccellenza oggi produrre qualità è quasi scontato. L'agronomo, quindi, deve porsi nuovi obiettivi, guardare alle nuove sfide, avere fame d' innovazione. Le nuove sfide per l'agronomo sono : produrre qualità in vigna sempre più sostenibile, adottare nuove tecniche viticole per contrastare i cambiamenti climatici in atto , produrre uva con identità territoriale, viticoltura di precisione".

Fotogallery (3)

  • Ciro Picariello e Antonio Capone
  • Antonio Capone
  • Il Salone del Vino

Condividi