IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Allarme Coronavirus, le raccomandazioni dell'ordine dei Medici di Avellino
Coronavirus, Carlo Sibilia: "Nessuna emergenza in Irpinia"
Coronavirus, allerta in Irpinia: summit in prefettura. Attivo il numero verde
Coronavirus, fake news su facebook: denunciati due serinesi per procurato allarme
La Zeza di Cesinali protagonista ad Avellino alla sfilata dei Carnevali irpini
Allarme a Montefusco: 26enne torna in Irpinia da Codogno focolaio di Coronavirus. Famiglia in quarantena
Successo e partecipazione a Cesinali con la Zeza dei bambini della scuola primaria
Avellino, agronomi e architetti a confronto su "Il verde possibile e protetto”
Schianto davanti all'Abbazia del Loreto, tre feriti
Rissa in strada a colpi di bastone, denunciati tre uomini

 

Irpinia Sistema Turistico fa tappa a Mirabella Eclano. Mocella: "Costruire un sistema che metta in rete le eccellenze dell'Irpinia"

Ettore Mocella

(Ettore Mocella)
(Foto: Irpiniareport)

Tappa a Mirabella Eclano per “Irpinia Sistema Turistico”. Ettore Mocella (Confartigianato Avellino e Confartigianato Campania), Giuseppe Bruno (Confindustria Avellino), Gerardo Stabile (Federalberghi) e Vittorio Ascione, consulente tecnico specializzato hanno incontrato gli amministratori locali e gli operatori del settore turistico per presentare e illustrare gli obiettivi del progetto finalizzato a realizzare un sistema di rete orientato alla qualità individuando come elemento distintivo del prodotto l’autenticità dell’esperienza turistica incentrata sulla cura della persona in tutti i suoi aspetti e sulle specificità territoriali ed ambientali. Un modo per poter connotare una varietà di tipologie turistiche, tradizionali e innovative insieme, tutte racchiuse in un contesto unitario ed omogeneo. “Costruire un sistema turistico di qualità che metta in rete l’eccellenza dell’Irpinia per farne un prodotto e un brand turistico. Metteremo in campo le migliori eccellenze del territorio attraverso uno strumento che si chiama contratto di sviluppo-accordo di programma”, spiega Ettore Mocella. Che aggiunge: “Siamo pronti a sviluppare un’azione finalizzata per avere una qualità migliore. Sono necessarie due condizioni: una forte spinta da parte dei privati all’investimento e un aiuto della politica per fare dell’Irpinia un brand. Guardiamo con favore l’iniziativa della Provincia che si sta muovendo in maniera complementare a noi”.

Condividi