IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Stop al diabete: tre giornate di screening gratuiti a San Michele, Santa Lucia e Serino
Medico muore durante il turno di notte, s'indaga
Sequestro di caciocavalli in un caseificio, nei guai la titolare
Alla ricerca di funghi senza autorizzazione, multe salate per due uomini
Capannone agricolo adibito a officina meccanica, denunciati i titolari
Irpinia Sistema Turistico fa tappa a Sant'Angelo dei Lombardi. Focus sul gas radon
Agronomi e funzionari dell’Arpac a confronto sulle attività agroalimentari
Avellino, forzano un posto di blocco e nella fuga tentano di investire un agente. Nei guai 2 ragazzi
Incidente sul lavoro, operaio cade da una scala di tre metri
Ad Avellino fa tappa Chocolate Days, la festa del cioccolato tradizionale

 

Irpinia Sistema Turistico fa tappa a Mirabella Eclano. Mocella: "Costruire un sistema che metta in rete le eccellenze dell'Irpinia"

Ettore Mocella

(Ettore Mocella)
(Foto: Irpiniareport)

Tappa a Mirabella Eclano per “Irpinia Sistema Turistico”. Ettore Mocella (Confartigianato Avellino e Confartigianato Campania), Giuseppe Bruno (Confindustria Avellino), Gerardo Stabile (Federalberghi) e Vittorio Ascione, consulente tecnico specializzato hanno incontrato gli amministratori locali e gli operatori del settore turistico per presentare e illustrare gli obiettivi del progetto finalizzato a realizzare un sistema di rete orientato alla qualità individuando come elemento distintivo del prodotto l’autenticità dell’esperienza turistica incentrata sulla cura della persona in tutti i suoi aspetti e sulle specificità territoriali ed ambientali. Un modo per poter connotare una varietà di tipologie turistiche, tradizionali e innovative insieme, tutte racchiuse in un contesto unitario ed omogeneo. “Costruire un sistema turistico di qualità che metta in rete l’eccellenza dell’Irpinia per farne un prodotto e un brand turistico. Metteremo in campo le migliori eccellenze del territorio attraverso uno strumento che si chiama contratto di sviluppo-accordo di programma”, spiega Ettore Mocella. Che aggiunge: “Siamo pronti a sviluppare un’azione finalizzata per avere una qualità migliore. Sono necessarie due condizioni: una forte spinta da parte dei privati all’investimento e un aiuto della politica per fare dell’Irpinia un brand. Guardiamo con favore l’iniziativa della Provincia che si sta muovendo in maniera complementare a noi”.

Condividi