IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, al via il Festival dello Sviluppo Sostenibile 2019. L'evento promosso dagli agronomi irpini
Avellino, ruba l'identità dello zio per incassare il denaro del libretto postale. Arrestato 46enne
Cesinali, successo e partecipazione per la Passeggiata Ecologica organizzata dai bambini della scuola primaria
Incassa i risarcimenti dei propri clienti, nei guai avvocato 45enne
Il ministro Lezzi in Irpinia, ecco le tappe
Bilancio, assemblea dei sindaci a Palazzo Caracciolo
Minacce al comandante Arvonio, la solidarietà del presidente Biancardi
In trasferta da Foggia per commettere furti in Irpinia, fermati 5 pregiudicati
Ruba i dati di una carta di credito per acquistare il televisore, nei guai una 45enne
Tangenti per pilotare le sentenze, 14 arresti. Coinvolti due irpini

 

L’irpino Giovanni De Feo e il suo progetto Greenopoli tra i finalisti del Premio Ambientalista dell’Anno

Giovanni De Feo

(Giovanni De Feo)
(Foto: Irpiniareport)

Da dodici anni, Legambiente e “La Nuova Ecologia” organizzano a Casale Monferrato (Al) il premio nazionale “Luisa Minazzi – Ambientalista dell’anno” (www.premioluisaminazzi.it). Il premio è intitolato a Luisa Minazzi, l’attivista di Casale Monferrato che si è battuta a lungo per i diritti delle persone esposte all’amianto. Tra gli otto finalisti che il comitato organizzatore ha selezionato sulla base delle segnalazioni invitate dalla giuria preliminare c’è anche l’irpino Giovanni De Feo, docente di ecologia industriale presso l’Università degli Studi di Salerno e ideatore del progetto di educazione ambientale Greenopoli (www.greenopoli.it). Questa è la scheda che gli organizzatori hanno dedicato al serinese De Feo, oggi residente ad Aiello del Sabato: «Simpatico, competente. Innamorato delle tematiche ambientali. Cosa volere di più da un docente universitario? Giovanni De Feo insegna Ecologia industriale nell’ateneo di Salerno. Ma la sua capacità di divulgare, in maniera semplice e convincente, i principi della sostenibilità non conosce confini generazionali. Tanto che il suo progetto educativo, “Greenopoli”, si rivolge ai giovanissimi con tanto di sito web, pagina Facebook, libri e incontri nelle scuole a base di rap e narrazioni che illustrano concetti a volte molto complessi. Però anche di fronte a una platea di adulti è imbattibile nel condividere i principi di base che regolano gli equilibri del pianeta e gli stili di vita virtuosi. L’ambientalismo ha bisogno di figure così, in grado di rendere comprensibile e desiderabile l’evoluzione verso la società low carbon. Non credete?». Votare è semplice, basta andare sul sito del premio al seguente indirizzo: http://www.premioluisaminazzi.it/votazione-on-line/

Condividi