IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Fiamme a un bar nella notte, s'indaga
Nascondeva la droga negli slip per poi spacciarla, nei guai 20enne
Fanno esplodere lo sportello bancomat e danno fuoco all'auto
Va in ospedale per partorire e scopre di avere il Coronavirus
Padre e figlia azzannati da un pitbull, ricoverati in ospedale
Rapina al portavalori della Cosmopol a Valle, i dettagli di quanto accaduto
Scosse di terremoto tra Rocca San Felice e Sant'Angelo dei Lombardi
Perde il controllo dell'auto e si schianta, ferita 56enne
"Pater Familias", quando un ristorante è narrazione della storia
Spaventoso incidente sui binari, treno travolge auto. Ferito un 64enne irpino

 

La legalità si studia a scuola con i carabinieri

Nuova tappa a Sant'Angelo dei Lombardi

I carabinieri in azione

(I carabinieri in azione)
(Foto: Carmine Bellabona)

Presso l’Istituto Scolastico Superiore “F. De Sanctis” di Sant'Angelo dei Lombardi, nell’ambito del ciclo di conferenze promosso dal Comando Provinciale Carabinieri di Avellino all’interno delle scuole della provincia, si è tenuto da parte del comandante della Compagnia Carabinieri di Sant’Angelo dei Lombardi un incontro sulla legalità, a cui hanno partecipato gli alunni del Liceo Classico e Scientifico alla presenza dei docenti. Nel corso dell’incontro si è discusso di vari temi di interesse ed attuali. Si è parlato della cultura della legalità e della sua importanza nella società civile, dell’esigenza di alimentare tale forma educativa e dell’azione costante svolta in merito dall’Arma dei Carabinieri, nell’ambito di un rapporto di fiducia con il cittadino. Nella circostanza si è parlato di bullismo, dei fenomeni droga ed alcoolismo, rispetto delle norme sulla circolazione stradale, forme di immigrazione e rispetto dei diritti umani, violenze sui minori, la comunicazione tramite internet e reati commessi tramite la rete informatica, atti vandalici, che sempre più spesso si verificano nelle scuole della provincia. Numerose sono state le domande poste dai giovani ai quali, anche con riferimenti ad episodi specifici, sono stati fornite indicazioni utili che possano favorire una più aderente educazione su tale delicato tema.

Condividi