IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, sale il numero dei contagi: sono 247 i positivi di oggi
Contravviene alle misure anti Covid per rubare casse di birra in un supermercato, denunciato
Covid-19, 36 contagi a "Villa dei Pini". Si attende riscontro dell’Asl
Avellino, fuoco ai cassonetti dei rifiuti. Danni a un'auto e alla facciata del palazzo
Covid-19, quarto decesso nella giornata: muore una 82enne. Ricoverata per polmonite
Covid-19, dimessi il 15enne e la mamma ricoverati al Moscati una settimana fa
Covid-19, terza vittima in poche ore: muore 66enne
Covid-19, aggiornamento contagi: 93 i positivi
Scuole, in Campania restano chiuse. Per la primaria monitoraggio fra 10 giorni
Demolizione viadotto di Manocalzati, traffico deviato fino al 22 dicembre

 

Mercogliano, al via la prima riunione del Comitato Laudato Sì

Mercogliano

(Mercogliano)
(Foto: Irpiniareport)

MERCOGLIANO - E' in programma mercoledì 7 giugno alle ore 17,00 la prima riunione del Comitato Laudato Sì che si terrà presso l'oratorio delle suore Salesiane, in via Roma a Mercogliano. All'incontro saranno presenti anche Padre Alex Zanotelli e Don Vitaliano Della Sala. ( L'Istituto delle Suore è a poche centinaia di metri dalla sede del Municipio di Mercogliano, dove è possibile parcheggiare l'auto per proseguire a piedi.) Dopo l'incontro che si è svolto presso il Palazzo vescovile, lo scorso 19 maggio 2017, dove è stato celebrato il secondo anniversario dell'uscita dell'Enciclica LAUDATO SI', raccogliendo le idee e le proposte emerse, si è ritenuto opportuno fondare un Comitato che, prendendo il nome dell'Enciclica e che, ispirandosi alle parole del Papa, promuova iniziative tese alla protezione del Creato e delle risorse naturali. L'Irpinia è il più grande bacino idrico dell'Italia Meridionale, sono note e da sempre apprezzate le aree verdi che ricoprono il territorio;sono in atto politiche di speculazione che mettono a rischio i Servizi e la qualità della vita. Il sovra sfruttamento delle risorse, la cementificazione selvaggia, l'abbandono dei territori, la ripresa dell'emigrazione, costituiscono segnali gravi da prendere in seria considerazione. In alcuni Centri l'inquinamento ha raggiunto livelli insostenibili, con valori che sforano le misurazioni consentite dalle centraline di rilevamento,raggiungendo quote paragonabili a quelle di grandi centri urbani.

Condividi