IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Si alza il sipario su "Natale ad Aiello"
Condannato per furti, ai domiciliari 40enne
Lesioni e porto abusivo d'armi, in manette 30enne
Donna trovata morta in casa, s'indaga
Estorsione ai danni di un barista, arrestato 58enne di Fontanarosa
Avellino, saccheggia l'edicola davanti alle Poste: ladro bloccato dalla Polizia Municipale
Maxi sequestro di olio in un frantoio irpino
"Piano per il Lavoro" ad Aiello, soddisfatto l'assessore Preziosi: "Misura finalizzata alla formazione e all'inserimento lavorativo"
Ponte di Parolise, vertice al Genio Civile con Anas e il ministero delle Infrastrutture
Bambino strangolato da due compagni finisce in ospedale. Choc nella scuola elementare di Melito

 

Parco Eolico nei pressi dell'Oasi di Conza, il "no" delle Pro Loco irpine

L'Oasi di Conza della Campania

(L'Oasi di Conza della Campania)
(Foto: Irpiniareport)

Le Pro Loco della provincia di Avellino riunite in assemblea, tra gli argomenti discussi, all’unanimità dopo ampio confronto hanno espresso forte contrarietà alla costruzione del parco eolico in prossimità dell’Oasi di Conza. "L’area interessata va salvaguardata non solo per la tutela e il rispetto dell’ambiente, della fauna e del paesaggio, ma anche per lo sviluppo turistico del territorio nel suo complesso per la presenza da li a pochi chilometri di attrazioni culturali ed archeologiche di forte interesse", si legge nella nota dell'Unpli Avellino. "Pertanto, chiedono di fermare e ripensare all’insediamento del polo eolico che se da un lato dà la possibilita di creare energia pulita dall’altro lato provoca un danno all’ambiente e al territorio di gran lunga superiore scoraggiando investimenti nel turismo ed alimendando lo spopolamento dei paesi. Inoltre, sempre nell’ambito del paesaggio e in linea allo sviluppo turistico dell’Irpinia chiedono che ci sia un piano per lo sfruttamento dell’energia pulita coinvolgendo gli enti locali e sentendo le associazioni presenti sul territorio", conclude la nota.

Condividi