IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Meteo, nuove nevicate in Irpinia
Covid-19, la situazione oggi in Campania: 1132 casi positivi e 23 decessi
Covid-19, la situazione in Irpinia: 30 casi positivi e 2 decessi
Avellino, colta da malore cade sul balcone. Donna in ospedale
Avellino, anziana cade in casa nella notte. Soccorsa dai pompieri
Fiamme nella notte in un appartamento, famiglia evacuata
Scuola, da lunedì in presenza anche la terza della scuola primaria
Macellazione abusiva e ricettazione: sequestro di maiali e oltre 350 chili di insaccati. Nei guai 30enne
Tenta di uccidersi inalando gas di scarico dell'auto, salvato in extremis
Covid-19, due decessi al Moscati

 

"Pater Familias", quando un ristorante è narrazione della storia

A Paternopoli, a pochi passi dalla piazza, un antico palazzo ospita una cucina d'autore

Eccellente rapporto qualità/prezzo

Pater Familias a Paternopoli

(Pater Familias a Paternopoli)
(Foto: Irpiniareport)

Poco fuori Avellino, facile da raggiungere, Paternopoli conserva ancora quello spirito comunitario che in tanti altri paesi non si respira più. In questo contesto, nel cuore del comune, praticamente a ridosso della piazza, è d’impatto il Palazzo che ospita “Pater Familias”. Francesco Anziano, padrone di casa, ha deciso di investire nella sua terra. Ha scelto di restaurare la dimora storica di famiglia. L’ha riportata all’antico splendore, curando ogni dettaglio, conservando reperti straordinari. Basta attraversare la porta a vetri per tuffarsi nel passato, nella storia di una famiglia nobile, nella narrazione di quello che fu Paternopoli, l’Irpinia, le sue genti. Si resta affascinati quando si scende al piano inferiore, per accomodarsi nell’eleganza di un contesto che una volta era cantina, granaio, cucina di fortuna. L’impatto è notevole. Superlativo. Il garbo di Francesco e del suo staff accompagnano il racconto della cucina tipica irpina attraverso piatti rivisitati, ma nel pieno rispetto della tradizione. Tradizione che non è ingiuriata. Lo chef osa, ma non sconfina. Segue pedissequamente le ricette locali, guardando all’innovazione. Può apparire un contrasto, un paradosso. Invece, il gusto incanta. La scommessa è vinta. Si sentono gli antichi sapori, intriga la sperimentazione. Il resto lo fanno i prodotti, le materie prime. Sono tutti di qualità. E rigorosamente della zona. Così come i vini. Regnano i Doc e i Docg irpini. L’atmosfera, i gusti, il contesto delle vecchie cantine con le temperature gradevoli e poco umide di quegli ambienti trattengono l’ospite in una cornice suggestiva. Tanto che c’è voglia di non andare via, di fare “ritorno al futuro”. Eccellente il rapporto qualità/prezzo. Da non perdere. 

https://www.paterfamiliasristorante.it/il-ristorante

Condividi