IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
“Le donne risorse chiave per lo sviluppo delle professioni”. L’agronoma irpina Natalia De Vito interviene al XII Convegno del Coordinamento Napoletano Donne nella Scienza
Si spaccia per avvocato e truffa un anziano, s'indaga
Asl Avellino, al via la campagna di inserimento gratuito del microchip a cani e gatti
Avellino, al via il Festival dello Sviluppo Sostenibile 2019. L'evento promosso dagli agronomi irpini
Avellino, ruba l'identità dello zio per incassare il denaro del libretto postale. Arrestato 46enne
Cesinali, successo e partecipazione per la Passeggiata Ecologica organizzata dai bambini della scuola primaria
Incassa i risarcimenti dei propri clienti, nei guai avvocato 45enne
Il ministro Lezzi in Irpinia, ecco le tappe
Bilancio, assemblea dei sindaci a Palazzo Caracciolo
Minacce al comandante Arvonio, la solidarietà del presidente Biancardi

 

Pediatra disponibile nelle festività presso l'Asl, al via il progetto Cosped

Dal 21 aprile al 1° maggio

Un ambulatorio

(Un ambulatorio)
(Foto: Irpiniareport)

Ridurre attraverso il potenziamento delle cure pediatriche territoriali il ricorso ai Pronto Soccorso durante le festività e nei giorni prefestivi. Con questo obiettivo parte il progetto di consulenza specialistica pediatrica "COSPED", promosso dalla Regione Campania insieme alle Aziende Sanitarie Locali. Pertanto nei giorni 21-21-22-24-25-27-28-30 aprile e 1 maggio 2019 presso le Sedi dei Distretti Sanitari ASL di Avellino (Via degli Imbimbo 10/12), Atripalda (Via Manfredi), Ariano Irpino (Piazza Mazzini) e del Presidio Sanitario di Lioni (Viale del Parco) dalle 8.00 alle 20.00 sarà presente un Pediatra di Libera Scelta, che ha manifestato la propria disponibilità, per garantire le consulenze specialistiche pediatriche ai minori di anni 16. Il progetto nasce nell'ambito della collaborazione avviata in seno al Comitato per la Pediatria tra i sindacati di categoria e la competente Unità Operativa Materno Infantile della Direzione Regionale per la tutela della Salute per ridurre l'accesso improprio ai Pronto Soccorso Ospedalieri, in uno dei periodi più a rischio dal punto di vista influenzale, durante il quale si riscontrano decisi aumenti delle prestazioni ospedaliere in luogo di quelle territoriali, evitando, al tempo stesso, l’esposizione dei piccoli pazienti a potenziali rischi di infezioni ospedaliere del tutto evitabili.

Condividi