IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Violento temporale in Alta Irpinia provoca una frana, chiusa la strada provinciale 143 a Bagnoli
Cade dal ponteggio in un cantiere, operaio 47enne in prognosi riservata
Il neo sindaco di Cervinara Caterina Lengua positivo al Covid-19
Tentano di disfarsi della droga gettandola nel water, in manette due fidanzati
Covid-19 in Campania, torna l'obbligo della mascherina all'aperto. C'è l'ordinanza di De Luca
Una 48enne di Avellino è risultata positiva al Covid-19. Da luglio ad oggi i casi registrati sono 205
Coronavirus, chiuso il Comune di Cervinara. Avviata la sanificazione
Attraverso una mail rubano password e dati personali e gli svuotano il conto corrente
Coronavirus, registrati 6 contagi in Irpinia. Uno ricoverato in ospedale
Covid-19, altri 12 contagi in Irpinia: 2 ad Avellino

 

Pediatra disponibile nelle festività presso l'Asl, al via il progetto Cosped

Dal 21 aprile al 1° maggio

Un ambulatorio

(Un ambulatorio)
(Foto: Irpiniareport)

Ridurre attraverso il potenziamento delle cure pediatriche territoriali il ricorso ai Pronto Soccorso durante le festività e nei giorni prefestivi. Con questo obiettivo parte il progetto di consulenza specialistica pediatrica "COSPED", promosso dalla Regione Campania insieme alle Aziende Sanitarie Locali. Pertanto nei giorni 21-21-22-24-25-27-28-30 aprile e 1 maggio 2019 presso le Sedi dei Distretti Sanitari ASL di Avellino (Via degli Imbimbo 10/12), Atripalda (Via Manfredi), Ariano Irpino (Piazza Mazzini) e del Presidio Sanitario di Lioni (Viale del Parco) dalle 8.00 alle 20.00 sarà presente un Pediatra di Libera Scelta, che ha manifestato la propria disponibilità, per garantire le consulenze specialistiche pediatriche ai minori di anni 16. Il progetto nasce nell'ambito della collaborazione avviata in seno al Comitato per la Pediatria tra i sindacati di categoria e la competente Unità Operativa Materno Infantile della Direzione Regionale per la tutela della Salute per ridurre l'accesso improprio ai Pronto Soccorso Ospedalieri, in uno dei periodi più a rischio dal punto di vista influenzale, durante il quale si riscontrano decisi aumenti delle prestazioni ospedaliere in luogo di quelle territoriali, evitando, al tempo stesso, l’esposizione dei piccoli pazienti a potenziali rischi di infezioni ospedaliere del tutto evitabili.

Condividi