IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Lutto tra gli avvocati irpini: è morto il penalista Massimo Preziosi
Presi i ladri dei garage di Avellino e hinterland
Le auto storiche e da corsa sfilano a San Potito Ultra
Controlli nei frantoi irpini, multe salate per due titolari
Picchia la figlia con un bastone, arrestato padre violento
Rinvenuto cadavere in un appartamento, s'indaga
Schianto tra autobus e compattatore, paura per 10 bambini
Avellino, incidente in via Due Principati: auto sbanda e finisce nella scarpata. Ferita una ragazza
La Sala Consiliare di Palazzo Caracciolo intitolata a Pietro Foglia. Biancardi: “Mercoledì la cerimonia a un anno dalla dipartita”
Risorse idriche, il presidente Picariello (Odaf): "Ottimizzare la gestione per aumentare il contenuto di sostanza organica nei suoli"

 

Petrolio in Irpinia, anche il Forum della Gioventù dice No alle trivellazioni

Logo Forum Giovani Provincia di Avellino

(Logo Forum Giovani Provincia di Avellino)
(Foto: Forum Giovani Provincia di Avellino)

Il Coordinamento dei Forum della Gioventù di Avellino, a seguito del confronto tenutosi ad Avella il 2 febbraio 2013 e di un pregresso scambio di opinioni con alcuni volontari del Comitato No Trivellazioni Petrolifere in Irpinia, ha deliberato il suo secco NO al petrolio.
«I forum comunali della gioventù dicono NO ad eventuali trivellazioni perché ritengono tali operazioni inquinanti per il suolo, l’aria e l’acqua, pericolose per la salute, dannose dal punto di vista economico ed occupazionale, rischiose da un punto di vista sismico e morfologico, distruttive per un territorio a forte vocazione agricola e turistica».
Per tali ragioni, il consiglio direttivo dei forum comunali, ad unanimità e dopo aver ascoltato il parere di tutti i rappresentanti del Coordinamento, ha stilato la delibera, in cui sancisce la netta contrarietà alle trivellazioni.
«I giovani irpini – spiega Alessandro Nicotera, coordinatore provinciale dei forum – non possono restare in silenzio di fronte ad una forma così devastante di sfruttamento dei territori. Il compito delle nuove generazioni è quello di salvaguardare un patrimonio ambientale inestimabile e promuovere uno sviluppo sostenibile. Vogliamo svolgere un ruolo da protagonisti nella conservazione delle ricchezze paesaggistiche ed ambientali dell’Irpinia».

Condividi