IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Scomparsa Lo Conte, Mocella (Confartigianato): "Garbo e determinazione lo distinguevano. Bisogna proseguire nel suo nome per rilanciare l'Irpinia"
Coronavirus, i casi in Irpinia arrivano a 329
Gli effetti dell'emergenza Coronavirus sull'agricoltura, Picariello: "Le filiere vitivinicole, florovivaistiche e lattiero-casearie le più colpite"
Coronavirus, il presidente Biancardi: “Entro venerdì la Provincia consegna i kit in vitro veloce per la diagnosi”
Covid-19, altri 6 contagi in Irpinia. Il bilancio sale a 228
Ruba un'auto, nei guai 28enne
Covid-19, sale il bilancio in Irpinia: 222 le persone contagiate
Sanificazione, Confindustria mette a disposizione strumenti e conoscenze
Coronavirus, 2 morti al Moscati
Emergenza Covid-19, Gambino (Usmia): "Tutelare gli operatori delle forze armate"

 

Schifani in Irpinia per il compleanno dell'Italia unita

Giornata storica per Avellino. Inaugurato il Museo del Risorgimento dalla seconda carica dello Stato

Folla delle grandi occasioni per l'evento. Doppia tappa per il presidente del Senato: incontro con i sindaci a Palazzo Caracciolo, poi convegno all'ex carcere Borbonico di Avellino

L'arrivo di Schifani in Provincia

(L'arrivo di Schifani in Provincia)
(Foto: Carmine Bellabona)

Tricolori sui balconi di palazzo Caracciolo e folla delle grandi occasioni hanno fatto da cornice alla tappa irpina di Renato Schifani. Il presidente del Senato ha accolto l'invito del presidente della Provincia, Cosimo Sibilia, per aprire il fitto programma di eventi promossi dall'ente per celebrare i 150 anni dell'Unità d'Italia. La giornata particolare è iniziata a Palazzo Caracciolo con Schifani che, dopo i saluti del sindaco Galasso, del presidente del Consiglio Provinciale, Alaia, e di Sibilia, ha spiegato alla platea di primi cittadini che non esiste una vera Unità d'Italia se la questione meridionale non diventa questione nazionale. "Il problema del Sud deve rimanere al centro dell'agenda del Governo. Ci sono ancora dei gap, soprattutto strutturali, che vanno colmati. Se non cresce il Mezzogiorno, non cresce nemmeno l'Italia. Ma è necessario che la classe dirigente meridionale esca definitivamente dalla logica del clientelismo e dell'assistenzialismo. In questo senso il federalismo è una chance da sfruttare. I sindaci non devono aver paura del federalismo. Questa è una sfida che va affrontata perchè tende a responsabilizzare gli amministratori locali. I cittadini giudicheranno i sindaci per quello che faranno, per le scelte, anche fiscali che dovranno compiere nell'interesse della comunità". Dopo aver ricevuto una targa ricordo affiancato dal Ministro Rotondi, da Sibilia, da Galasso, dal prefetto Blasco e da altre autorità cittadine ha raggiunto a piedi il Carcere Borbonico. Breve incontro con i giornalisti e con tutti i cittadini e poi il taglio del nastro del Museo Irpino del Risorgimento. Ad anticipare l'inaugurazione il convegno, con gli interventi del soprintendente Bap per Avellino e Salerno, Gennaro Miccio, del docente universitario, Francesco Barra, del presidente della Provincia. A tirare le conclusioni lo stesso Schifani, che ha usato parole d'elogio per le iniziative promosse dall'ente di piazza Libertà.

Fotogallery (10)

  • Palazzo Caracciolo con il Tricolore
  • L'arrivo di Schifani in Provincia
  • Schifani lungo il Corso
  • La visita al carcere Borbonico
  • Il taglio del nastro del museo
  • L'intervento di Sibilia in Provincia
  • La consegna della medaglia
  • Schifani a Palazzo Caracciolo
  • Sibilia all'ex carcere Borbonico
  • Schifani all'ex carcere Borbonico

Video:

Condividi