IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Covid-19, la situazione in Irpinia: 54 casi positivi e 3 decessi
Video diffamatori diffusi sui social: nei guai una 21enne di Sturno
Sbanda e si ribalta, ferita una 58enne
Il presidente Biancardi in visita al Comando provinciale dei vigili del fuoco
Truffa alle assicurazioni, finge 29 incidenti. Nei guai una 44enne di Avellino
Vittoria spegne la sua prima candelina
Scuola, il 1 febbraio tornano in classe gli studenti delle superiori
Covid-19, un decesso all'ospedale "Frangipane"
Appropriazione indebita di auto, 40enne atripaldese ricercato dalla Repubblica Ceca
"Popolarmente Accasati", al via la sit-com promossa dal Teatro d’Europa. Il casting ad aprile

 

Scuola, i sindacati chiedono di rimandare l'apertura

High-quality fake rolex at low prices! Welcome to our website kopiorklockor.se

Scuola

(Scuola)
(Foto: Irpiniareport)

Le OO.SS. della Scuola della provincia di Avellino, in considerazione della persistente emergenza sanitaria e dei sacrifici cui tutti siamo chiamati, in un territorio definito “zona rossa”, per contrastare la diffusione del virus, ritengono opportuno chiedere il differimento della parziale ripresa dell’attività scolastica in presenza a partire dal prossimo 24 novembre. Pur riconoscendo le esigenze manifestate da diverse famiglie e le difficoltà della Didattica a Distanza soprattutto nella Scuola dell’Infanzia e nelle classi iniziali della Scuola Primaria, evidenziano, nel contempo, che proprio nelle fasce più basse di età si incontrano maggiori ostacoli nella gestione dei protocolli sulla sicurezza tanto che molti genitori, timorosi per la salute dei propri figli, già in precedenza avevano preferito non far frequentare loro le attività in presenza. Ci sono, poi, per l’elevato numero di richieste, evidenti difficoltà realizzative dello screening volontario con test antigenici destinato al personale scolastico, agli alunni e alle loro famiglie. Le OO.SS. ritengono, pertanto, che in questa fase sia necessario evitare ogni azione che possa limitare il diritto alla salute degli alunni, delle loro famiglie e di tutti gli operatori scolastici, nonché vanificare in parte quanto fatto sinora per il contrasto della pandemia

Condividi