IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
1515 posti nella Polizia di Stato, al via il concorso. C'è tempo fino al 4 luglio
Sbanda e si ribalta, 55enne di Cesinali incastrata nell'abitacolo dell'auto
Folla e commozione ad Ariano per l'arrivo delle reliquie di Santa Bernadette
Vinti mezzo milione di euro ad Altavilla con un "Gratta e Vinci"
Ospedaletto d'Alpinolo, cadono rami nel parco giochi: paura tra i presenti
Volturara Irpina, si allaciano alla condotta principale per non pagare l'acqua
Auguri Laura: 40, ma non li dimostra
Studentessa s'impicca nella sua stanza, tragedia in Irpinia
Fontanarosa, Gambino nominato Cavaliere al Merito dell'ordine della Repubblica
Sbanda con la moto e si schianta contro le auto in sosta, muore 26enne

 

Un capolinea del bus urbano anche ad Aiello del Sabato

Un autobus delle linee urbane

(Un autobus delle linee urbane)
(Foto: Carmine Bellabona)

Un capolinea del bus urbano anche ad Aiello del Sabato così come accade per Atripalda, Mercogliano e Monteforte Irpino, che sono confinanti con il capoluogo. L'amministrazione comunale ha inviato una specifica richiesta alla Regione e alla Provincia per chiedere la modifica del piano di Tpl, passando in tal modo dalla gestione extraurbana di Air Autoservizi a quella della società Cti-Ati. Lo ha deciso la giunta guidata dal sindaco Ernesto Urciuoli, nel corso dell'ultima riunione dell'esecutivo. "Alla base della richiesta la distanza minima di Aiello del Sabato dalla zona di Contrada Sant’Oronzo di Avellino che è pari a circa 500 metri e dalla zona di Contrada Alvanite di Atripalda lontana appena 800 metri", spiega il vicesindaco Sebastiano Gaeta. "In entrambi i casi i bus della circolare urbana arrivano quindi a pochi passi da Aiello del Sabato e poi cambiano percorso", aggiunge Gaeta. Peraltro, il tragitto di tali pullman sarebbe meno tortuoso e consentirebbe di raggiungere una maggiore utenza. Su questo preme l'amministrazione comunale aiellese, che torna alla carica sull'argomento dopo un primo tentativo non andato in porto. "Non arretriamo perché è un'opportunità per un servizio di qualità e ulteriori corse per i tanti pendolari", conclude Gaeta.

Condividi