IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Approvato il nuovo decreto legge Covid: stop agli spostamenti tra Regioni. A Natale e Santo Stefano non si potrà uscire dal proprio Comune
“Avellino oltre lo sport”, il video degli irpini realizzato per la Giornata Internazione dei diritti delle persone con disabilità
Covid-19, i decessi in Irpinia salgono a 99. Oggi 69 casi positivi
Assoservizi - Scadenza saldo IMU 2020  clicca qui:
Pascolo senza autorizzazione sanitaria, due denunce. Multa da 3.500 euro
Prende a morsi un carabiniere, nei guai 30enne di Mercogliano
Verde pubblico, Picariello (Ordine Agronomi): "Un adeguato piano per tutelare la salute e maggiore protezione contro le calamità "
Bruciata un'auto nella notte, s'indaga
Avellino, dimessi i due giovani motociclisti in coma dopo un incidente
Serino, tagliano faggi in area protetta. Denunciati per furto

 

Ad un anno costretto a mendicare: 4 fermati

Operazione dei carabinieri a Scampitella

Il piccolo veniva "utilizzato" a turno da due coppie di rumeni, durante il mercato domenicale del piccolo centro irpino

Carabinieri

(Carabinieri)
(Foto: Carmine Bellabona)

I Carabinieri della Compagnia di Ariano Irpino hanno deferito in stato di libertà quattro persone di nazionalità rumena per aver costretto due minori a mendicare. In particolare, i Carabinieri delle Stazioni di Trevico e Vallata durante un servizio svolto durante il mercato settimanale di Scampitella e finalizzato a prevenire eventuali reati predatori, come i borseggi, perpetrati in danno delle persone che abitualmente frequentano le bancarelle domenicali del centro irpino ai confini con la Puglia hanno notato quattro persone che si aggiravano per quelle vie chiedendo l’elemosina. I due Carabinieri di servizio appiedato, immediatamente, accortisi di quanto stava accadendo, si sono separati e hanno raggiunto le quattro persone, moglie e marito di 25 e 23 anni, la sorella del ragazzo di 19 anni e la zia di 51 anni. Le quattro persone, con precedenti specifici, poiché già nell’anno 2009 erano state deferite in stato di libertà per lo stesso reato commesso innanzi la Chiesa di San Bartolomeo a Vallata, erano intente a chiedere l’elemosina avvalendosi a turno del figlio della coppia di un anno che veniva utilizzato per far commuovere le persone che notavano i quattro. I Carabinieri hanno dunque provveduto a bloccare le quattro persone rumene che avevano con sé i pochi euro che erano riusciti a “guadagnare”. I Carabinieri, dopo aver condotto nella caserma di Trevico le quattro persone fermate e aver accertato che non avessero commesso altri reati in quel territorio, hanno provveduto dapprima a deferirle in stato di libertà al Procuratore Capo di Ariano Irpino Dott. Luciano D’Emmanuele e in seguito ad avviare il procedimento per l’emissione a loro carico del foglio di via obbligatorio da quel comune. Le quattro persone rumene ora dovranno rispondere di concorso nell’impiego di minori nell’accattonaggio.

Condividi