IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, colta da malore cade sul balcone. Donna in ospedale
Avellino, anziana cade in casa nella notte. Soccorsa dai pompieri
Fiamme nella notte in un appartamento, famiglia evacuata
Scuola, da lunedì in presenza anche la terza della scuola primaria
Macellazione abusiva e ricettazione: sequestro di maiali e oltre 350 chili di insaccati. Nei guai 30enne
Tenta di uccidersi inalando gas di scarico dell'auto, salvato in extremis
Covid-19, due decessi al Moscati
Fiamme in un appartamento, paura in mattinata
Covid-19, aggiornamento contagi: 48 casi positivi. Il maggior numero ad Avella
Avellino: si finge intermediario immobiliare e fitta un appartamento, ma è una truffa

 

Agente ucciso a Napoli, l'omaggio davanti alla Questura delle forze dell'ordine irpine

L'omaggio delle forze dell'ordine irpine all'agente ucciso a Napoli

(L'omaggio delle forze dell'ordine irpine all'agente ucciso a Napoli )
(Foto: Irpiniareport )

L'omaggio delle forze dell'ordine irpine all'agente Pasquale Apicella ucciso a Napoli durante un inseguimento per sventare una rapina. Ieri mattina pattuglie di Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia Municipale e Vigili del fuoco si sono radunati nel piazzale antistante la Questura di Avellino. Con sirene e lampeggianti accesi hanno reso omaggio al giovane poliziotto davanti alla lapide dei caduti. Un grande gesto di solidarietà e vicinanza alla famiglia del poliziotto e a tutto il Corpo della Polizia di Stato in lutto per la perdita di un proprio rappresentante. È stato un momento emozionante. Un gesto particolarmente gradito dal questore di Avellino Maurizio Terrazzi che ha ringraziato tutti. L'agente Pasquale Apicella insieme ad un altro collega a bordo dell’auto ha tentato di bloccare i rapinatori in fuga che avevano assaltato un bancomat in via Calata Capodichino a Napoli. I malviventi si sono schiantati contro la Volante. Nel terribile impatto Apicella è deceduto, mentre il suo collega è rimasto ferito. Feriti anche i due banditi. Si tratta di due rom, di 27 e 40 anni, residenti al campo nomadi di Giugliano che sono stati arrestati per omicidio volontario, tentata rapina aggravata, tentato furto aggravato e ricettazione. Eseguiti altri due fermi dalla Procura di Napoli. La tragedia è avvenuta tre giorni fa, il 27 aprile.

Condividi