IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Festa della scuola ad Aiello del Sabato, l'iniziativa promossa dal vicesindaco Gaeta
"Verde urbano in condizioni disastrose e inquinamento dell'aria: subito interventi". L'allarme dell'Ordine Agronomi
Bomba da mortaio in un castagneto, paura ad Ospedaletto
Altacauda, Alzacunda, Altavilla Irpina: Storia di Gentes Romane e fonti di acqua termale
Avellino, 65enne rinvenuta cadavere in Cavour: s'indaga
Affitti, 45 milioni per il sostegno alle famiglie
Le graduatorie misure 411 e Psr Campania 2014-2020, Federazione Agronomi: "Finanziare tutte le istanze e snellire le procedure"
Sequestro di persona, arrestato 60enne di Avella
Ai medici e agli infermieri del Moscati pizze in dono dalla Taverna De Gustibus di Cesinali
"Abella, Abellum, Abellinum": Colonie Romane tra antichi culti pagani e noccioleti

 

Aggrediscono un connazionale, denunciati padre e due figli

I carabinieri in azione

(I carabinieri in azione)
(Foto: Carmine Bellabona)

Un padre e i due figli, di cui uno minorenne, di origine rumena, residenti da anni a Grottolella e con precedenti penali a carico, sono stati denunciati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Avellino ed all’omologa Procura presso il Tribunale per i Minorenni di Napoli dai carabinieri della Stazione di Montefredane per aggressione nei confronti di un proprio connazionale di 38 anni. I fatti di reato a loro ascritti risalgono alla fine del mese scorso. Il motivo del contendere è stato il prestito di una branda, incivilmente preteso dal padre denunciato ad un suo connazionale, un 38enne operaio rumeno, residente anch’egli a Grottolella, ma senza alcun precedente penale ed anzi con una condotta esemplare. Alla secca negazione di quest’ultimo il pregiudicato (tra l’altro avvisato oralmente dall'Autorità Giudiziaria e più volte sia in carcere che agli arresti domiciliari) sia andato su tutte le furie, scagliandosi prima verbalmente contro l'uomo che impaurito si è rinchiuso in casa e poi aiutato, anche dai due figli, ha sfondato la porta dell'abitazione e ha aggredito il 38enne con calci e pugni. La furiosa aggressione dei tre ha comportato anche il danneggiamento di un'auto di un vicino oltre ad aver infranto i vetri di un'altra abitazione.

Condividi