IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
“Le donne risorse chiave per lo sviluppo delle professioni”. L’agronoma irpina Natalia De Vito interviene al XII Convegno del Coordinamento Napoletano Donne nella Scienza
Si spaccia per avvocato e truffa un anziano, s'indaga
Asl Avellino, al via la campagna di inserimento gratuito del microchip a cani e gatti
Avellino, al via il Festival dello Sviluppo Sostenibile 2019. L'evento promosso dagli agronomi irpini
Avellino, ruba l'identità dello zio per incassare il denaro del libretto postale. Arrestato 46enne
Cesinali, successo e partecipazione per la Passeggiata Ecologica organizzata dai bambini della scuola primaria
Incassa i risarcimenti dei propri clienti, nei guai avvocato 45enne
Il ministro Lezzi in Irpinia, ecco le tappe
Bilancio, assemblea dei sindaci a Palazzo Caracciolo
Minacce al comandante Arvonio, la solidarietà del presidente Biancardi

 

Aggrediscono un connazionale, denunciati padre e due figli

I carabinieri in azione

(I carabinieri in azione)
(Foto: Carmine Bellabona)

Un padre e i due figli, di cui uno minorenne, di origine rumena, residenti da anni a Grottolella e con precedenti penali a carico, sono stati denunciati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Avellino ed all’omologa Procura presso il Tribunale per i Minorenni di Napoli dai carabinieri della Stazione di Montefredane per aggressione nei confronti di un proprio connazionale di 38 anni. I fatti di reato a loro ascritti risalgono alla fine del mese scorso. Il motivo del contendere è stato il prestito di una branda, incivilmente preteso dal padre denunciato ad un suo connazionale, un 38enne operaio rumeno, residente anch’egli a Grottolella, ma senza alcun precedente penale ed anzi con una condotta esemplare. Alla secca negazione di quest’ultimo il pregiudicato (tra l’altro avvisato oralmente dall'Autorità Giudiziaria e più volte sia in carcere che agli arresti domiciliari) sia andato su tutte le furie, scagliandosi prima verbalmente contro l'uomo che impaurito si è rinchiuso in casa e poi aiutato, anche dai due figli, ha sfondato la porta dell'abitazione e ha aggredito il 38enne con calci e pugni. La furiosa aggressione dei tre ha comportato anche il danneggiamento di un'auto di un vicino oltre ad aver infranto i vetri di un'altra abitazione.

Condividi