IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, bomba al Vescovado: tre feriti. Fermato un uomo
Avellino, sorpresi in auto con diversi alcolici e birre di dubbia provenienza. Fermati in tre
Crisi rifiuti, chiusura impianti del Nord per la frazione organica
In giro con coltello e tirapugni, nei guai 25enne
Come non perdersi in montagna, i consigli utili dei Carabinieri del Comando provinciale di Avellino
Muore schiacciato da un furgone, tragedia nella notte
Spacciava droga a giovani e clienti, arrestato barbiere
Sversava nel fiume Sabato scarichi industriale, denunciato imprenditore
Aggressione al carcere di Bellizzi, detenuti in ospedale
Nascondeva la droga nella playstation, nei guai 50enne

 

Aiello del Sabato, sorpresi a coltivare droga nei campi. Nei guai marito e moglie

Piante di canapa indiana

(Piante di canapa indiana)
(Foto: Irpiniareport)

I Carabinieri della Stazione Forestale di Forino hanno denunciato una coppia di coniugi di Solofra, ritenuti responsabili di coltivazione e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. I militari, nell’ambito di un ordinario servizio di perlustrazione del territorio finalizzato alla prevenzione degli incendi, notavano i predetti (entrambi sulla cinquantina) intenti alla pulizia di un terreno privato ubicato in agro del comune di Aiello del Sabato. Ragguagliati dai Carabinieri sulle modalità per il corretto smaltimento dei rifiuti vegetali, nel corso della verifica non sfuggiva all’occhio degli operanti la presenza di due piante di cannabis sativa “indica”, coltivate all’interno di un vaso in metallo. Non paghi del risultato ottenuto, i militari decidevano di estendere il controllo anche all’immobile in uso ai predetti. L’attività, eseguita unitamente ai colleghi della Stazione Carabinieri di Solofra, permetteva di rinvenire all’interno della camera da letto, circa 7 grammi di marijuana, una settantina di semi presumibilmente di canapa indiana e due grinder. Alla luce delle evidenze emerse, a carico dei predetti è dunque scattato il deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino ai sensi dell’articolo 73 del D.P.R. 309/90. Quanto rinvenuto è stato sottoposto a sequestro.

Condividi