IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Violenta rissa tra giovani, 8 denunce. Chiuso un bar
Fiamme a un bar nella notte, s'indaga. Si segue la pista dolosa
Nascondeva la droga negli slip per poi spacciarla, nei guai 20enne
Fanno esplodere lo sportello bancomat e danno fuoco all'auto
Va in ospedale per partorire e scopre di avere il Coronavirus
Padre e figlia azzannati da un pitbull, ricoverati in ospedale
Rapina al portavalori della Cosmopol a Valle, i dettagli di quanto accaduto
Scosse di terremoto tra Rocca San Felice e Sant'Angelo dei Lombardi
Perde il controllo dell'auto e si schianta, ferita 56enne
"Pater Familias", quando un ristorante è narrazione della storia

 

Allarme a Montefusco: 26enne torna in Irpinia da Codogno focolaio di Coronavirus. Famiglia in quarantena

Un ambulatorio

(Un ambulatorio)
(Foto: Irpiniareport)

È rientrato in Irpinia da Codogno riconosciuto come focolaio di Coronavirus nonostante il divieto di muoversi. Un’intera famiglia in quarantena a Montefusco per scongiurare il rischio del vontagio da Coronavirus. La decisione è stata adottata dal sindaco Gaetano Zaccaria dopo aver appreso del rientro nel paese d’origine di un giovane di 26 anni che vive e lavora a Codogno, nel Lodigiano. Il primo cittadino ha inviato una lettera alla famiglia invitando i suoi componenti a rimanere all’interno dell’abitazione in isolamento fiduciario per 14 giorni. Il 26enne è riuscito a raggiungere l’Irpinia nonostante il divieto a muoversi da Codogno riconosciuto come focolaio di Coronavirus. Il sindaco ha informato Prefettura e Asl di Avellino.

Condividi