IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Coronavirus, scuole e Università chiuse fino a sabato. C'è l'ordinanza del Governatore De Luca
Primo caso di Coronavirus in Campania arriva dal Vallo della Lucania, si tratta di una 26enne biologa
Coronavirus, un probabile caso positivo in Campania
Allarme Coronavirus, le raccomandazioni dell'ordine dei Medici di Avellino
Coronavirus, Carlo Sibilia: "Nessuna emergenza in Irpinia"
Coronavirus, allerta in Irpinia: summit in prefettura. Attivo il numero verde
Coronavirus, fake news su facebook: denunciati due serinesi per procurato allarme
La Zeza di Cesinali protagonista ad Avellino alla sfilata dei Carnevali irpini
Allarme a Montefusco: 26enne torna in Irpinia da Codogno focolaio di Coronavirus. Famiglia in quarantena
Successo e partecipazione a Cesinali con la Zeza dei bambini della scuola primaria

 

Ancora una truffa: smartwatch venduto on-line a prezzo stracciato. Ma il pacco non arriva

I carabinieri tengono desta l'attenzione sul fenomeno

Truffe on line scoperte dai carabinieri

(Truffe on line scoperte dai carabinieri)
(Foto: Carabinieri)

Prosegue incessante l’attività dell’Arma per impedire la consumazione di truffe in genere. Dopo l’azione di contrasto eseguita con l’iniziativa del Comando Provinciale Carabinieri di Avellino “DIFENDITI DALLE TRUFFE”, la Compagnia Carabinieri di Baiano nell’anno in corso ha proceduto a deferire all’Autorità Giudiziaria numerosi soggetti responsabili di truffe di vario genere ed in particolare per truffe on-line. E proprio per quest’ultima tipologia di reato, i Carabinieri della Stazione di Lauro, hanno deferito alla competente Autorità Giudiziaria un 50enne della provincia di Napoli. A cadere nella trappola un giovane che, attratto dal prezzo oltremodo conveniente di un noto smartwatch messo in vendita su un noto sito di annunci online, decideva quindi di contattare il venditore, sia per avere per avere maggiori chiarimenti sul prodotto sia per ridurre al minimo il suo dubbio che potesse trattarsi di una truffa. Venivano così fornite dettagliate spiegazioni che conquistavano la fiducia dell’acquirente il quale non esitava ad effettuare il pagamento con ricarica su carta prepagata. Ma, ricevuta la somma pattuita, il tecnologico orologio non veniva spedito ed il “venditore” si rendeva irreperibile. Alla vittima non restava altro che denunciare l’accaduto ai Carabinieri che, a seguito di mirate indagini, riuscivano ad identificare e denunciare in stato di libertà il 50enne, ritenuto responsabile di truffa on-line.

Condividi