IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Avellino, movida e assembramenti: vietata la vendita di alcolici dopo le 21 nei market
Guasto condotta idrica a Mercogliano, dieci Comuni senz'acqua
Ospedale di Solofra, restituiti ai donatori i 230mila euro raccolti per la realizzazione della terapia intensiva
Uffici Postali aperti a Ferragosto, 160 ad Avellino e provincia
Raid vandalico al campo estivo: gazebo, sedie e tavoli distrutti
Abbruciamento di residui a Montevergine rischia di provocare un incendio, la denuncia dell'Osservatorio Meteorologico
Sospensione del servizio idrico in Irpinia, ecco dove
Cesinali, c'è il Servizio Civico: ecco il lavoro di pubblica utilità
Odaf Avellino, il vicepresidente Antonio Capone nominato Miglior Agronomo d'Italia 2020
Perde il controllo e si schianta contro il muro, paura per due anziani sull'A16

 

Apriva conti correnti con documenti falsi: arrestata pregiudicata

Operazione della polizia in città

La volante della Polizia

(La volante della Polizia)
(Foto: Carmine Bellabona)

Andava in banca, chiedendo di aprire conti correnti presentando documenti e certificati falsi. Dopo accurate indagini una pregiudicata napoletana è stata scoperta e arrestata dagli uomini dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Avellino: si tratta di CASSESE Franca 45 anni, originaria di Acerra (NA). La CASSESE lo scorso 22 luglio aveva aperto un conto corrente presso il Banco di Napoli filiale di via de Conciliis di Avellino; successivamente in data 4 agosto aveva versato quattro assegni, risultati rubati, ed alcuni giorni dopo, prelevato denaro contante per 7.000/00 euro. Nella mattinata di ieri la stessa si portava nuovamente in banca tentando di versare e riscuotere altri cinque assegni dell’importo di 6.258,98 Euro. In tale frangente interveniva personale della Polizia di Stato che bloccava la donna traendola in arresto per il reato di riciclaggio e possesso e fabbricazione di documenti di identificazione falsi. L’attività investigativa veniva coordinata d dal P.M. Dott. Roberto Patscot della Procura della Repubblica di Avellino diretta dal Procuratore Capo Dott. Angelo di Popolo. Sono in corso ulteriori indagini da parte della Squadra Mobile volte a risalire ad eventuali concorrenti nell’ideazione ed esecuzione del progetto criminoso.

Condividi