IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
“Le donne risorse chiave per lo sviluppo delle professioni”. L’agronoma irpina Natalia De Vito interviene al XII Convegno del Coordinamento Napoletano Donne nella Scienza
Si spaccia per avvocato e truffa un anziano, s'indaga
Asl Avellino, al via la campagna di inserimento gratuito del microchip a cani e gatti
Avellino, al via il Festival dello Sviluppo Sostenibile 2019. L'evento promosso dagli agronomi irpini
Avellino, ruba l'identità dello zio per incassare il denaro del libretto postale. Arrestato 46enne
Cesinali, successo e partecipazione per la Passeggiata Ecologica organizzata dai bambini della scuola primaria
Incassa i risarcimenti dei propri clienti, nei guai avvocato 45enne
Il ministro Lezzi in Irpinia, ecco le tappe
Bilancio, assemblea dei sindaci a Palazzo Caracciolo
Minacce al comandante Arvonio, la solidarietà del presidente Biancardi

 

Arrestato a Quindici un 38enne marocchino

Nel corso di una serie di controlli predisposti dai carabinieri

Carabinieri

(Carabinieri)
(Foto: Carmine Bellabona)

I Carabinieri della Compagnia di Baiano nel corso di uno specifico servizio finalizzato al contrasto dell'immigrazione clandestina hanno arrestato un cittadino di origine marocchina per non aver ottemperato all'ordine di espulsione dal territorio nazionale. In particolare i Carabinieri della stazione di Quindici hanno sorpreso in un'abitazione del posto, lo straniero di 38 anni e lo hanno arrestato perché non avevano ottemperato all'ordine di lasciare il territorio nazionale emesso dalle Autorità competenti in data 27 dicembre 2005. Lo stesso é trattenuto nelle camere di sicurezza della Compagnia in attesa del processo fissato con rito direttissimo per la mattinata odierna presso il Tribunale di Avellino. Sono in corso ulteriori accertamenti per stabilire eventuali responsabilità del proprietario dell’abitazione, locata a persone prive del permesso di soggiorno, e dell’azienda presso la quale detto cittadino lavorava. Tutti gli atti sono stati inviati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Avellino per gli adempimenti consequenziali.

Condividi