IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Covid-19, quarto decesso nella giornata: muore una 82enne. Ricoverata per polmonite
Covid-19, dimessi il 15enne e la mamma ricoverati al Moscati una settimana fa
Covid-19, terza vittima in poche ore: muore 66enne
Covid-19, aggiornamento contagi: 93 i positivi
Scuole, in Campania restano chiuse. Per la primaria monitoraggio fra 10 giorni
Demolizione viadotto di Manocalzati, traffico deviato fino al 22 dicembre
Covid-19, secondo decesso al Moscati
Covid-19, muore al Moscati un altro anziano
Castagne e nocciole in Irpinia, produzione 2020. Agronomi Irpini: "Buona la quantità e la qualità, ma i prezzi ancora troppo bassi"
Furto nel tabacchi, rubati sigarette e "gratta e vinci". Bottino da quantificare

 

Arrestato a Solofra latitante materano, era in procinto di concludere un affare con un imprenditore conciario

L'arresto dell'uomo

(L'arresto dell'uomo)
(Foto: Irpiniareport)

La Polizia di Stato, a seguito di attività di indagine diretta dalla DDA di Potenza, ha catturato nel pomeriggio di ieri a Solofra Mario Caldarola pregiudicato  materano. Deve scontare la condanna a 4 anni e 10 mesi di reclusione per rapina aggravata sulla base di un  ordine di carcerazione emesso dalla Procura di Matera. Gli investigatori della Sezione Catturandi della Squadra Mobile di Potenza unitamente a personale della Squadra Mobile di Matera hanno individuato il latitante in provincia di Avellino. Caldarola, infatti, in possesso anche di un documento falso valido per l’espatrio, sicuro di non essere riconosciuto si era recato nell’area industriale del Comune di Solofra per incontrare un imprenditore della zona per concludere alcuni affari. L’uomo da qualche tempo viveva presso un albergo di Napoli nei pressi di Piazza Garibaldi. Dopo gli ulteriori controlli, svolti nel città partenopea con l’ausilio di equipaggi della Squadra Mobile di Napoli, Caldarola è stato condotto presso il carcere di Secondigliano in stato di arresto per possesso di documenti di identificazione falsi. Il provvedimento di arresto si  aggiunge alla pena che Caldarola, dovrà scontare per aver commesso nel 2010 una rapina a mano armata negli uffici postale del Comune di Bernalda. La latitanza di Caldarola incominciata nello scorso dicembre è così terminata.

Condividi