IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Festa della scuola ad Aiello del Sabato, l'iniziativa promossa dal vicesindaco Gaeta
"Verde urbano in condizioni disastrose e inquinamento dell'aria: subito interventi". L'allarme dell'Ordine Agronomi
Bomba da mortaio in un castagneto, paura ad Ospedaletto
Altacauda, Alzacunda, Altavilla Irpina: Storia di Gentes Romane e fonti di acqua termale
Avellino, 65enne rinvenuta cadavere in Cavour: s'indaga
Affitti, 45 milioni per il sostegno alle famiglie
Le graduatorie misure 411 e Psr Campania 2014-2020, Federazione Agronomi: "Finanziare tutte le istanze e snellire le procedure"
Sequestro di persona, arrestato 60enne di Avella
Ai medici e agli infermieri del Moscati pizze in dono dalla Taverna De Gustibus di Cesinali
"Abella, Abellum, Abellinum": Colonie Romane tra antichi culti pagani e noccioleti

 

Assolto il 68enne di Manocalzati accusato di aver minacciato un uomo davanti al seggio elettorale

toghe

(toghe)
(Foto: Irpiniareport)

È stato assolto il 68enne di Manocalzati accusato di aver minacciato un 53enne davanti al seggio elettorale in occasione delle elezioni amministrative del 2011. I fatti si verificarono in occasione delle consultazioni per il rinnovo del sindaco e del consiglio comunale di Manocalzati nel 2011, nei pressi del seggio elettorale. Dopo una lunga ed articolata istruttoria dibattimentale, durante la quale sono stati sentiti diversi testimoni. La difesa dell’imputato, rappresentata dall’avvocato Angelo Polcaro, è riuscita a dimostrare, ponendo in evidenza le diverse contraddizioni tra quanto denunciato dalla persona offesa e quanto affermato dai testimoni escussi, la totale insussistenza delle accuse contestate a carico del suo assistito. Pertanto, in adesione alle richieste avanzate dall’avvocato Polcaro, il giudice di pace di Avellino, Paolina Petrillo, ha mandato assolto l’imputato per il delitto di ingiuria, perché il fatto non è più previsto dalla legge come reato, e da quello di minaccia perché l’imputato non lo ha commesso.

Condividi