IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Torneo nazionale di scacchi on line, trionfano gli studenti del "Perna Alighieri"
In giro con droga durante il coprifuoco, nei guai un 20enne e un minorenne
Avellino, sfiorata tragedia a Rione Mazzini: cade albero su due auto
Approvato il nuovo decreto legge Covid: stop agli spostamenti tra Regioni. A Natale e Santo Stefano non si potrà uscire dal proprio Comune
“Avellino oltre lo sport”, il video degli irpini realizzato per la Giornata Internazione dei diritti delle persone con disabilità
Covid-19, i decessi in Irpinia salgono a 99. Oggi 69 casi positivi
Assoservizi - Scadenza saldo IMU 2020  clicca qui:
Pascolo senza autorizzazione sanitaria, due denunce. Multa da 3.500 euro
Prende a morsi un carabiniere, nei guai 30enne di Mercogliano
Verde pubblico, Picariello (Ordine Agronomi): "Un adeguato piano per tutelare la salute e maggiore protezione contro le calamità "

 

Aste, associazione a delinquere, estorsione: 14 arresti ad Avellino. Coinvolti imprenditori e professionisti

Sequestrate società ad Avellino, Serino, Roma e Anzio

Il Comando provinciale dei carabinieri

(Il Comando provinciale dei carabinieri)
(Foto: Carabinieri)

Dalle prime ore dell’alba, circa 150 militari dei Comandi Provinciali dei Carabinieri di Avellino e della Guardia di Finanza di Napoli, coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia e Antiterrorismo partenopea, stanno eseguendo, tra le province di Avellino e Roma, 14 misure coercitive e il sequestro preventivo finalizzato alla confisca di beni del valore di circa 4 milioni di euro, nei confronti di un’organizzazione malavitosa composta da membri di spicco del “Nuovo Clan Partenio”, imprenditori e professionisti. Associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsione, scambio elettorale politico-mafioso, Turbata libertà degli incanti, Falsità materiale, Truffa, Trasferimento fraudolento di valori e Riciclaggio sono i reati contestati a 14 indagati (8 in carcere e 6 ai domiciliari), oltre al sequestro preventivo di 5 società di Avellino, Serino, Roma e Anzio e dei relativi beni, per un valore di 4 milioni.

Condividi