IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
“Le donne risorse chiave per lo sviluppo delle professioni”. L’agronoma irpina Natalia De Vito interviene al XII Convegno del Coordinamento Napoletano Donne nella Scienza
Si spaccia per avvocato e truffa un anziano, s'indaga
Asl Avellino, al via la campagna di inserimento gratuito del microchip a cani e gatti
Avellino, al via il Festival dello Sviluppo Sostenibile 2019. L'evento promosso dagli agronomi irpini
Avellino, ruba l'identità dello zio per incassare il denaro del libretto postale. Arrestato 46enne
Cesinali, successo e partecipazione per la Passeggiata Ecologica organizzata dai bambini della scuola primaria
Incassa i risarcimenti dei propri clienti, nei guai avvocato 45enne
Il ministro Lezzi in Irpinia, ecco le tappe
Bilancio, assemblea dei sindaci a Palazzo Caracciolo
Minacce al comandante Arvonio, la solidarietà del presidente Biancardi

 

Atripalda, scoperto centro abusivo di massaggi

47enne ucraina denunciata dai carabinieri

L'auto dei carabinieri

(L'auto dei carabinieri)
(Foto: Carmine Bellabona)

Una donna ucraina di 47 anni è stata denunciata dai carabinieri della Stazione di Atripalda perchè scoperta ad aver avviato, presso la propria abitazione di residenza, un’attività di massaggiatrice senza essere in possesso dei requisiti previsti dalle legge, né delle dovute autorizzazioni comunali. L'abitazione della straniera è situata in un edificio non molto lontano dalla Caserma dei Carabinieri di Contrada Santissimo e lì vive con le sue giovani figlie. La donna aveva messo su una vera e propria attività di massaggi che, a quanto pare, era pure ben frequentata e fruttava non poco. Per le predette violazioni, oltre alla denuncia penale di cui sopra, sono state dai carabinieri notificate pure due sanzioni amministrative, per le violazioni dei regolamenti amministrativi, pari rispettivamente al pagamento di 860 euro la prima e di 344 la seconda. Nessun provvedimento di sequestro, essendo chiaramente l’abitazione di proprietà della donna e delle figlie, né alcuna sospensione dell’attività visto che la stessa era del tutto abusiva.

Condividi