IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Festa della scuola ad Aiello del Sabato, l'iniziativa promossa dal vicesindaco Gaeta
"Verde urbano in condizioni disastrose e inquinamento dell'aria: subito interventi". L'allarme dell'Ordine Agronomi
Bomba da mortaio in un castagneto, paura ad Ospedaletto
Altacauda, Alzacunda, Altavilla Irpina: Storia di Gentes Romane e fonti di acqua termale
Avellino, 65enne rinvenuta cadavere in Cavour: s'indaga
Affitti, 45 milioni per il sostegno alle famiglie
Le graduatorie misure 411 e Psr Campania 2014-2020, Federazione Agronomi: "Finanziare tutte le istanze e snellire le procedure"
Sequestro di persona, arrestato 60enne di Avella
Ai medici e agli infermieri del Moscati pizze in dono dalla Taverna De Gustibus di Cesinali
"Abella, Abellum, Abellinum": Colonie Romane tra antichi culti pagani e noccioleti

 

Atripalda, scoperto centro abusivo di massaggi

47enne ucraina denunciata dai carabinieri

L'auto dei carabinieri

(L'auto dei carabinieri)
(Foto: Carmine Bellabona)

Una donna ucraina di 47 anni è stata denunciata dai carabinieri della Stazione di Atripalda perchè scoperta ad aver avviato, presso la propria abitazione di residenza, un’attività di massaggiatrice senza essere in possesso dei requisiti previsti dalle legge, né delle dovute autorizzazioni comunali. L'abitazione della straniera è situata in un edificio non molto lontano dalla Caserma dei Carabinieri di Contrada Santissimo e lì vive con le sue giovani figlie. La donna aveva messo su una vera e propria attività di massaggi che, a quanto pare, era pure ben frequentata e fruttava non poco. Per le predette violazioni, oltre alla denuncia penale di cui sopra, sono state dai carabinieri notificate pure due sanzioni amministrative, per le violazioni dei regolamenti amministrativi, pari rispettivamente al pagamento di 860 euro la prima e di 344 la seconda. Nessun provvedimento di sequestro, essendo chiaramente l’abitazione di proprietà della donna e delle figlie, né alcuna sospensione dell’attività visto che la stessa era del tutto abusiva.

Condividi