IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Allarme Confartigianato Avellino: “Il 35,67% dei dipendenti delle aziende artigiane e Pmi a rischio licenziamento”
In fila per il vaccino scopre di avere il Covid. Caos e paura a Monteforte Irpino
Il Covid uccide un medico di famiglia di San Sossio Baronia
Rubano un'auto in una villa, ripresi dalla videosorveglianza. È caccia ai ladri
Riprese le ricerche di Domenico Manzo scomparso da Prata Principato Ultra due mesi fa
Guasto condotta idrica a Cassano Irpino: 100 Comuni senz'acqua. Ecco quali
Trovato impiccato a un albero, choc nelle campagne di Bonito
Covid-19, picco in Irpinia: registrati 147 contagi
Covid-19, nuova impennata dei contagi in Irpinia. Mai tanti dal mese di dicembre
Compra on-line un'opera letteraria da 2.700 euro, a casa arriva un libro da quattro soldi

 

Avellino, frode nel settore conciario

Scoperta dall'Agenzia delle Entrate. Esportazioni e crediti Iva inesistenti.

 

 

denaro

(denaro)
(Foto: irpiniareport)

I risultati premiano il lavoro di squadra. La sinergia tra più strutture territoriali dell’Agenzia delle Entrate ha permesso alla Direzione Provinciale delle Entrate di Avellino di scoprire una frode Iva da parte di una società operante nel settore conciario. La struttura irpina dell’Agenzia delle Entrate ha posto in essere un percorso di indagine innovativo chiedendo la collaborazione delle Direzioni Provinciali di Fermo, Pisa e Venezia che si sono allertate per controllare i clienti della società sottoposta a verifica. Dalla documentazione fiscale acquisita con i controlli incrociati (fatture di vendita, documenti di trasporto, ecc.) e dall’estrapolazione informatica dei dati, gli ispettori del fisco hanno ricostruito un quadro probatorio che evidenziava ingenti discrasie col dichiarato. E’ stato riscontrato che le esportazioni indicate in dichiarazione non erano mai avvenute e le vendite erano state effettuate in Italia, quindi soggette all’Imposta sul Valore Aggiunto al 20%. Il comportamento fraudolento ha permesso di indicare in dichiarazione un elevato credito Iva, di fatto inesistente, pari ad 1,5 milioni di euro. Dopo aver confrontato tutti i dati si è proceduto alla verifica fiscale generale, ma la società ha esibito una denuncia di furto della contabilità e non ha provveduto alla ricostruzione della stessa. L’attività di intelligence preventiva delle Entrate di Avellino ha consentito comunque di acquisire tutti i tasselli mancanti per una ricostruzione oggettiva e non presuntiva delle operazioni imponibili effettuate sul territorio.

Condividi