IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Pullman di pellegrini in fiamme, paura sull'A16. Provenivano da San Giovanni Rotondo
Civitavecchia, l'esperto Gerardo Galasso relatore del convegno su prevenzione e sicurezza
Stop al diabete: tre giornate di screening gratuiti a San Michele, Santa Lucia e Serino
Medico muore durante il turno di notte, s'indaga
Sequestro di caciocavalli in un caseificio, nei guai la titolare
Alla ricerca di funghi senza autorizzazione, multe salate per due uomini
Capannone agricolo adibito a officina meccanica, denunciati i titolari
Irpinia Sistema Turistico fa tappa a Sant'Angelo dei Lombardi. Focus sul gas radon
Agronomi e funzionari dell’Arpac a confronto sulle attività agroalimentari
Avellino, forzano un posto di blocco e nella fuga tentano di investire un agente. Nei guai 2 ragazzi

 

Avellino, impianto di videosorveglianza non autorizzato in un negozio. Denunciato il titolare

Multa da 1500 euro

Controlli dei carabinieri al Corso di Avellino

(Controlli dei carabinieri al Corso di Avellino)
(Foto: Carabinieri)

Nell’ambito dei servizi predisposti dal Comando Provinciale di Avellino, i Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro, unitamente ai colleghi della Compagnia di Avellino, hanno proceduto ad ispezionare svariati attività commerciali ed esercizi pubblici, riscontrando irregolarità che hanno portato al deferimento di un 30enne di origini asiatiche alla competente Autorità Giudiziaria. Nello specifico, l’accesso ispettivo effettuato dai Carabinieri del N.I.L. ad un’attività commerciale del capoluogo irpino, di cui il predetto risulta esserne titolare, permetteva di appurare l’esistenza di un impianto di videosorveglianza in assenza dell’autorizzazione per l’installazione ed il relativo l’utilizzo, rilasciata dall’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Avellino previa presentazione di apposita istanza. Alla luce delle evidenze emerse, a carico del 30enne, oltre alla denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino per il reato di cui all’articolo 4 della legge 300/1970, sono state elevate sanzioni per più di 1.500 euro.

Condividi