IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Allerta meteo in Campania, pioggia e vento anche in Irpinia
Danni al comparto agricolo per la grandinata, Ordine Agronomi Avellino: "Proclamare lo stato di calamità naturale e disporre aiuti alle imprese"
Ofantina, al via i lavori in località Montechiuppo a Manocalzati. Code nelle ore di punta
Grandine in Irpinia distrugge frutteti e vigneti, danni ingenti
Gestione illecita di prodotti alimentari, denuncia e sanzione per un'azienda agricola
Sbanda e finisce nella scarpata, ferita 35enne
Ancora fiamme sull'A16, s'incendia un'auto nel tratto di Monteforte. Paura per una famiglia
Maltrattamenti, minacce e percosse in famiglia: arrestato 47enne
40enne muore nei campi schiacciato dal trattore
Famiglia intrappolata nell'auto in fiamme, paura a Volturara Irpina

 

Avellino, impianto di videosorveglianza non autorizzato in un negozio. Denunciato il titolare

Multa da 1500 euro

Controlli dei carabinieri al Corso di Avellino

(Controlli dei carabinieri al Corso di Avellino)
(Foto: Carabinieri)

Nell’ambito dei servizi predisposti dal Comando Provinciale di Avellino, i Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro, unitamente ai colleghi della Compagnia di Avellino, hanno proceduto ad ispezionare svariati attività commerciali ed esercizi pubblici, riscontrando irregolarità che hanno portato al deferimento di un 30enne di origini asiatiche alla competente Autorità Giudiziaria. Nello specifico, l’accesso ispettivo effettuato dai Carabinieri del N.I.L. ad un’attività commerciale del capoluogo irpino, di cui il predetto risulta esserne titolare, permetteva di appurare l’esistenza di un impianto di videosorveglianza in assenza dell’autorizzazione per l’installazione ed il relativo l’utilizzo, rilasciata dall’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Avellino previa presentazione di apposita istanza. Alla luce delle evidenze emerse, a carico del 30enne, oltre alla denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino per il reato di cui all’articolo 4 della legge 300/1970, sono state elevate sanzioni per più di 1.500 euro.

Condividi