IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Si alza il sipario su "Natale ad Aiello"
Condannato per furti, ai domiciliari 40enne
Lesioni e porto abusivo d'armi, in manette 30enne
Donna trovata morta in casa, s'indaga
Estorsione ai danni di un barista, arrestato 58enne di Fontanarosa
Avellino, saccheggia l'edicola davanti alle Poste: ladro bloccato dalla Polizia Municipale
Maxi sequestro di olio in un frantoio irpino
"Piano per il Lavoro" ad Aiello, soddisfatto l'assessore Preziosi: "Misura finalizzata alla formazione e all'inserimento lavorativo"
Ponte di Parolise, vertice al Genio Civile con Anas e il ministero delle Infrastrutture
Bambino strangolato da due compagni finisce in ospedale. Choc nella scuola elementare di Melito

 

Avellino, nascondeva in auto cardellini di specie protetta. Denunciato

L'auto della Gdf

(L'auto della Gdf)
(Foto: Irpiniareport)

Nella giornata di ieri le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Avellino hanno eseguito una importante attività per la salvaguardia delle specie animali protette. I finanzieri del Nucleo Mobile della Compagnia di Avellino, durante l’espletamento dei consueti servizi di controllo economico del territorio hanno rinvenuto, all’interno del bagagliaio di un’autovettura condotta da un avellinese, 16 volatili appartenenti alla specie “cardellino” (Carduelis carduelis), fringillide del quale è rigorosamente vietata la cattura e la detenzione in quanto specie tutelata sia a livello nazionale che internazionale. Il successivo controllo, effettuato unitamente al Servizio Veterinario dell’ASL di Avellino presso l’abitazione del soggetto, ha consentito di rinvenire, stipati senza alcuna autorizzazione e in condizioni non idonee, altri 15 cardellini oltre ad attrezzature (reti, bastoni con cappi e uncini, bastoni con occhielli) utilizzate per la pratica vietata dell’uccellaggione. I 31 cardellini rinvenuti, probabilmente destinati al mercato nero delle specie animali protette, nel quale un esemplare di cardellino può raggiungere cifre elevate a causa della forte domanda del collezionismo amatoriale, sono stati sottoposti a sequestro e successivamente affidati al Centro Recupero Animali Selvatici di Napoli, per il necessario controllo sullo stato di salute ed al loro successivo rilascio in natura presso oasi protette. Per l’avellinese coinvolto è scattata la denuncia a piede libero all’Autorità Giudiziaria irpina per i reati di maltrattamento di animali (art. 544-ter del Codice Penale), detenzione illegale di avifauna particolarmente protetta e uccellagione (art. 3 e art. 2 comma 1 della legge 157/1992).

Condividi