IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Pullman di pellegrini in fiamme, paura sull'A16. Provenivano da San Giovanni Rotondo
Civitavecchia, l'esperto Gerardo Galasso relatore del convegno su prevenzione e sicurezza
Stop al diabete: tre giornate di screening gratuiti a San Michele, Santa Lucia e Serino
Medico muore durante il turno di notte, s'indaga
Sequestro di caciocavalli in un caseificio, nei guai la titolare
Alla ricerca di funghi senza autorizzazione, multe salate per due uomini
Capannone agricolo adibito a officina meccanica, denunciati i titolari
Irpinia Sistema Turistico fa tappa a Sant'Angelo dei Lombardi. Focus sul gas radon
Agronomi e funzionari dell’Arpac a confronto sulle attività agroalimentari
Avellino, forzano un posto di blocco e nella fuga tentano di investire un agente. Nei guai 2 ragazzi

 

Avellino, operazione contro il lavoro nero della Gdf

Sottoposti a controllo noti studi notarili del centro

Mario Imparato Finanza

(Mario Imparato Finanza)
(Foto: Irpinia Report)

Nel prosieguo dello specifico ed articolato piano di controlli nei confronti dei più disparati comparti economico-commerciali avviato nel decorso mese di gennaio (operazione LAVORNERO), lo scorso 19 aprile si è dato corso al quinto intervento del programma che vede impegnati, fianco a fianco, le Fiamme Gialle e la Direzione Provinciale del Lavoro di Avellino. In via generale tale particolare piano d’azione sta venendosi a qualificare quale un efficace strumento a contrasto del lavoro sommerso e di quello irregolare attraverso attenta verifica delle posizioni lavorative di lavoratori e dipendenti nei più diversi settori dell’economia, in attuazione di una specifica convenzione tra il Comando Generale del Corpo ed il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. In territorio irpino l’iniziativa congiunta mira a concretizzare le disposizioni di cui alla legge 4 novembre 2010 nr. 183 (“Nuove disposizioni a contrasto del lavoro sommerso”) che, nel razionalizzare il quadro normativo attinente il mondo del lavoro, ha attribuito nuove e più penetranti potestà, tra gli altri, alla Guardia di Finanza, sicché oggi il militare del Corpo indossa anche le vesti di un vero e proprio ispettore del lavoro. In linea con lo specifico programma stabilito tra il colonnello Mario Imparato (Comandante Provinciale della Guardia di Finanza di Avellino) ed il dr. Giampaolo Paoletti (Direttore Provinciale del Lavoro di Avellino), l’intervento dello scorso 19 aprile è stato indirizzato al comparto degli studi professionali ed, in particolare, si è sostanziato nella verifica, da parte di militari del Nucleo di Polizia Tributaria e di ispettori della Direzione Provinciale del Lavoro di Avellino, delle posizioni lavorative dei dipendenti di due importanti studi notarili di Avellino. Dopo l’accesso congiunto nella mattinata presso gli studi, effettuato in orario che più poteva lascia presumere la sussistenza di situazioni da verificare, militari e funzionari, hanno avviato gli specifici controlli tesi alla verifica delle posizioni dei lavoratori, sia per quel che concerne l’esistenza di regolari contratti di lavoro, sia per quel che concerne la corrispondenza tra le figure contrattuali e le mansioni effettivamente svolte. I controlli sono tuttora in corso e i relativi esiti saranno dettagliatamente illustrati al termine della prima fase di collaborazione, nell’ambito di una conferenza stampa che vedrà Fiamme Gialle e funzionari della Direzione Provinciale del Lavoro, seduti allo stesso tavolo per partecipare agli organi d’informazione i risultati conseguiti dall’operazione LAVORNERO nel suo complesso, con un approfondimento degli elementi informativi acquisiti e delle esperienze maturate sul campo in modo da fare il punto della situazione nel comparto lavoro in Irpinia.

Condividi