IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Tragico incidente nella notte, perdono la vita zio e nipote di 15 anni
Raid al ristorante, le impronte incastrano il ladro
Bruciano tre auto nella notte, s'indaga
Muore sotto gli occhi del figlio, tragedia in autogrill
Furto al Comune di Cervinara, rubati 1000 euro e le carte d'identità
L'assessore regionale Lucia Fortini all'Istituto Comprensivo di Aiello del Sabato per il progetto "Scuola Viva"
Spaccio di droga, 30enne arrestato. In casa nascondeva hashish
Abbattono il muro divisorio e si appropriano dell'appartamento adiacente, nei guai marito e moglie
Cesinali, al via i festeggiamenti di San Gerardo. Weekend di musica, degustazione e divertimento
Ai domiciliari la 43enne trovata con 11 dosi di cocaina nel reggiseno

 

Avellino, sorpresi in auto con diversi alcolici e birre di dubbia provenienza. Fermati in tre

Gli alcolici nascosti nel bagagliaio

(Gli alcolici nascosti nel bagagliaio)
(Foto: Carabinieri Comando Provinciale Avellino)

Prosegue senza sosta la lotta alla piaga rappresentata dalla criminalità predatoria, condotta dal Comando Provinciale Carabinieri di Avellino e che ogni giorno vede impiegati i militari dell’Arma in un capillare controllo del territorio teso a garantire sicurezza e rispetto della legalità. I Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Avellino hanno denunciato tre stranieri, di età compresa tra i 30 ed i 42 anni, ritenuti responsabili del reato di Ricettazione. I tre, di origine georgiana e residenti a Napoli, fermati questa notte a bordo di una BMW nel centro del capoluogo irpino, all’esito di perquisizione sono stati trovati in possesso di alcune bottiglie di liquori di varie marche, birre e prodotti alimentari vari, per i quali erano in grado di giustificarne la provenienza. La merce rinvenuta, per un valore di circa 300 euro, è stata sottoposta a sequestro e per i tre stranieri è scattato il deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino. Per due di loro, colpiti da decreto di espulsione, è stata avviata la procedura per il rimpatrio. Sono in corso indagini da parte dei Carabinieri finalizzate anche ad accertare la provenienza della merce rinvenuta.

Condividi