IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Allerta meteo in Campania, pioggia e vento anche in Irpinia
Danni al comparto agricolo per la grandinata, Ordine Agronomi Avellino: "Proclamare lo stato di calamità naturale e disporre aiuti alle imprese"
Ofantina, al via i lavori in località Montechiuppo a Manocalzati. Code nelle ore di punta
Grandine in Irpinia distrugge frutteti e vigneti, danni ingenti
Gestione illecita di prodotti alimentari, denuncia e sanzione per un'azienda agricola
Sbanda e finisce nella scarpata, ferita 35enne
Ancora fiamme sull'A16, s'incendia un'auto nel tratto di Monteforte. Paura per una famiglia
Maltrattamenti, minacce e percosse in famiglia: arrestato 47enne
40enne muore nei campi schiacciato dal trattore
Famiglia intrappolata nell'auto in fiamme, paura a Volturara Irpina

 

Avellino, tenta di lanciarsi dal ponte della Ferriera. Salvato in extremis

Il ponte della Ferriera

(Il ponte della Ferriera)
(Foto: Irpiniareport)

Gli Agenti della Sezione Volanti, nel tardo pomeriggio di ieri, sono intervenuti nei pressi del Ponte della Ferriera, a seguito di segnalazione telefonica nella quale veniva comunicata la presenza di un uomo, che aveva manifestato intenzioni suicide. Questi, 59enne salernitano ma di fatto residente in Avellino, seppur sembrasse un tranquillo passante, con un rapido gesto, scavalcava il parapetto di protezione del ponte, predisponendosi in posizione per lanciarsi nel vuoto. Il tutto però non era passato inosservato ad un esercente di attività commerciale della zona che accortosi di quanto stava per accadere, riusciva ad afferrare il 59enne per un braccio e contestualmente ad approcciare opera persuasiva, finalizzata a distoglierlo dal compimento dellinsano gesto. Gli Agenti di Polizia giunti tempestivamente sul posto, grazie alla preziosa collaborazione offerta nella circostanza dal cittadino, bloccavano ulteriormente luomo per evitare che cadesse e solo al termine di una incisiva azione di ravvedimento riuscivano a trarlo in salvo. A seguito degli accertamenti di rito svolti sul logo, gli operatori acclaravano che lo stesso era in preda ad un forte stato depressivo, causato, oltre che dalla mancanza di lavoro, anche dal fatto che erano, a suo dire, circa quattro giorni che non mangiava e non dormiva, per cui, dopo aver avvisato telefonicamente lanziana madre per un ultimo saluto, si era sentito pronto per compiere, senza alcun rimpianto, lestremo gesto e farla finita con una vita piena di sofferenze.

Condividi