IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Lutto tra gli avvocati irpini: è morto il penalista Massimo Preziosi
Presi i ladri dei garage di Avellino e hinterland
Le auto storiche e da corsa sfilano a San Potito Ultra
Controlli nei frantoi irpini, multe salate per due titolari
Picchia la figlia con un bastone, arrestato padre violento
Rinvenuto cadavere in un appartamento, s'indaga
Schianto tra autobus e compattatore, paura per 10 bambini
Avellino, incidente in via Due Principati: auto sbanda e finisce nella scarpata. Ferita una ragazza
La Sala Consiliare di Palazzo Caracciolo intitolata a Pietro Foglia. Biancardi: “Mercoledì la cerimonia a un anno dalla dipartita”
Risorse idriche, il presidente Picariello (Odaf): "Ottimizzare la gestione per aumentare il contenuto di sostanza organica nei suoli"

 

Avellino, tenta di lanciarsi dal ponte della Ferriera. Salvato in extremis

Il ponte della Ferriera

(Il ponte della Ferriera)
(Foto: Irpiniareport)

Gli Agenti della Sezione Volanti, nel tardo pomeriggio di ieri, sono intervenuti nei pressi del Ponte della Ferriera, a seguito di segnalazione telefonica nella quale veniva comunicata la presenza di un uomo, che aveva manifestato intenzioni suicide. Questi, 59enne salernitano ma di fatto residente in Avellino, seppur sembrasse un tranquillo passante, con un rapido gesto, scavalcava il parapetto di protezione del ponte, predisponendosi in posizione per lanciarsi nel vuoto. Il tutto però non era passato inosservato ad un esercente di attività commerciale della zona che accortosi di quanto stava per accadere, riusciva ad afferrare il 59enne per un braccio e contestualmente ad approcciare opera persuasiva, finalizzata a distoglierlo dal compimento dellinsano gesto. Gli Agenti di Polizia giunti tempestivamente sul posto, grazie alla preziosa collaborazione offerta nella circostanza dal cittadino, bloccavano ulteriormente luomo per evitare che cadesse e solo al termine di una incisiva azione di ravvedimento riuscivano a trarlo in salvo. A seguito degli accertamenti di rito svolti sul logo, gli operatori acclaravano che lo stesso era in preda ad un forte stato depressivo, causato, oltre che dalla mancanza di lavoro, anche dal fatto che erano, a suo dire, circa quattro giorni che non mangiava e non dormiva, per cui, dopo aver avvisato telefonicamente lanziana madre per un ultimo saluto, si era sentito pronto per compiere, senza alcun rimpianto, lestremo gesto e farla finita con una vita piena di sofferenze.

Condividi