IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Allerta meteo in Campania, pioggia e vento anche in Irpinia
Danni al comparto agricolo per la grandinata, Ordine Agronomi Avellino: "Proclamare lo stato di calamità naturale e disporre aiuti alle imprese"
Ofantina, al via i lavori in località Montechiuppo a Manocalzati. Code nelle ore di punta
Grandine in Irpinia distrugge frutteti e vigneti, danni ingenti
Gestione illecita di prodotti alimentari, denuncia e sanzione per un'azienda agricola
Sbanda e finisce nella scarpata, ferita 35enne
Ancora fiamme sull'A16, s'incendia un'auto nel tratto di Monteforte. Paura per una famiglia
Maltrattamenti, minacce e percosse in famiglia: arrestato 47enne
40enne muore nei campi schiacciato dal trattore
Famiglia intrappolata nell'auto in fiamme, paura a Volturara Irpina

 

Baiano, i volontari ENPA salvano un cane in fin di vita

Intervento provvidenziale

Cani

(Cani)
(Foto: Carmine Bellabona)

Baiano - Nella giornata di ieri, durante un giro di perlustramento, i volontari Enpa, Ciro e Roberta Sorrentino della sezione di Avellino, coordinati dal commissario provinciale Saverio Capriglione, giunti in piazza San Francesco, si sono trovati davanti ad un cane randagio in fin di vita. Il povero animale presentava sintomi convulsivi, con fuoriuscita di materiale gastrico ed ematico. Allertata l’Asl di Avellino e la polizia locale, tempestivamente si sono effetuati i primi soccorsi, da una prima analisi sull’animale si tratta di una grave gastroenterite virale. E’ una malattia molto grave, altamente contagiosa e spesso mortale. Il virus colpisce soprattutto l’intestino e le cellule del sangue (leucociti) deputate alle difese immunitarie, distruggendole. Inoltre poiché vomito e diarrea portano rapidamente ad una grave disidratazione e quindi a shock e morte, nell’immediato sono stati somministrati liquidi per via endovenosa. Ancora una volta, i volontari di Avellino con la loro esperienza sono riusciti ad arrivare in tempo ed a salvare la vita dell’animale grazie anche al supporto dell’Asl.

Condividi