IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
La Sala Consiliare di Palazzo Caracciolo intitolata a Pietro Foglia. Biancardi: “Mercoledì la cerimonia a un anno dalla dipartita”
Risorse idriche, il presidente Picariello (Odaf): "Ottimizzare la gestione per aumentare il contenuto di sostanza organica nei suoli"
Bloccati sull'A16 a bordo di un furgone con attrezzi da scasso e denaro contante
Atripalda, ruba prodotti nel supermercato. Denunciato dipendente
Operai in nero in un cantiere, nei guai un imprenditore edile
Monteforte Irpino, sorpresi a tagliare faggi in area protetta. Denunciati
Gas Radon, prorogata la scadenza per i controlli. Mocella (Confartigianato): "Sgravi per le attività obbligate alle verifiche"
Mercogliano, riattivato lo sportello antiracket
Spostamento terminal bus, riunione in Provincia
Ospedale “Moscati”, fascia oraria allargata per le visite in terapia intensiva

 

Baiano, violano obblighi di assistenza familiare nei confronti del proprio figlio. Denunciati

Si tratta di una coppia di coniugi rumeni

L'auto dei carabinieri

(L'auto dei carabinieri)
(Foto: Carabinieri)

BAIANO - Nella giornata di ieri i carabinieri della Compagnia di Baiano ed in particolare i militari dell’aliquota Radiomobile del dipendente N.O.R.M., hanno proceduto alla denuncia di una coppia di coniugi romeni di Casalnuovo di Napoli, per violazione degli obblighi di assistenza familiare nei confronti del proprio figlio minorenne, classe 2001.
Il ragazzo veniva notato nella mattinata di ieri, dai militari di in sevizio di pattuglia, all’altezza della rampa di accesso dello svincolo del casello autostradale di Baiano, nel camminare a piedi in direzione del centro urbano: vista l’elevata pericolosità dello svincolo stradale, percorso da numerose autovetture, per tutelare l’incolumità dello stesso, veniva accompagnato in caserma per essere rifocillato e per poi accertarsi della sua identità e degli esercenti la potestà genitoriale, dato che era sprovvisto di documenti. In seguito, mediante appositi accertamenti si riusciva ad individuare ed a contattare i propri genitori che non riuscivano a fornire nessuna spiegazione dell’allontanamento del figlio.
Il minore veniva riaffidato ai genitori i quali venivano deferiti alla competente Autorità Giudiziaria.

Condividi