IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Borse di studio, 300 euro per oltre 23mila studenti campani. Pubblicata la graduatoria
Sciopero lavoratori Irpiniambiente, sospesa la raccolta dei rifiuti
La terra trema in Irpinia, scossa di terremoto a Caposele
Camion dei rifiuti finisce nel torrente, paura a Solofra
In azione la banda delle tabaccherie, razzia nella notte di sigarette e gratta e vinci
Avellino, tenta di suicidarsi lanciandosi dal balcone. Grave 34enne
Giovane escursionista si frattura una gamba, soccorsa sulle montagne di Bagnoli
Serie di furti a Mercogliano, prese di mira le ville in via San Nicola
Fuga di gas, esplode un'abitazione. Due feriti
Spaventoso incidente tra due auto, due feriti. Muore ragazza 36enne

 

Baiano, violano obblighi di assistenza familiare nei confronti del proprio figlio. Denunciati

Si tratta di una coppia di coniugi rumeni

L'auto dei carabinieri

(L'auto dei carabinieri)
(Foto: Carabinieri)

BAIANO - Nella giornata di ieri i carabinieri della Compagnia di Baiano ed in particolare i militari dell’aliquota Radiomobile del dipendente N.O.R.M., hanno proceduto alla denuncia di una coppia di coniugi romeni di Casalnuovo di Napoli, per violazione degli obblighi di assistenza familiare nei confronti del proprio figlio minorenne, classe 2001.
Il ragazzo veniva notato nella mattinata di ieri, dai militari di in sevizio di pattuglia, all’altezza della rampa di accesso dello svincolo del casello autostradale di Baiano, nel camminare a piedi in direzione del centro urbano: vista l’elevata pericolosità dello svincolo stradale, percorso da numerose autovetture, per tutelare l’incolumità dello stesso, veniva accompagnato in caserma per essere rifocillato e per poi accertarsi della sua identità e degli esercenti la potestà genitoriale, dato che era sprovvisto di documenti. In seguito, mediante appositi accertamenti si riusciva ad individuare ed a contattare i propri genitori che non riuscivano a fornire nessuna spiegazione dell’allontanamento del figlio.
Il minore veniva riaffidato ai genitori i quali venivano deferiti alla competente Autorità Giudiziaria.

Condividi