IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Pietrastornina, il prefetto Matteo Piantedosi intervista Marino Bartoletti autore dell'almanacco del Festival di Sanremo
Esplosione al bancomat, ladri in fuga con il bottino
Muore investito da un'auto. Tragedia sulla SS Appia
Tragedia a Serino, muore 18enne durante la festa di compleanno
Furti nelle abitazioni e nei locali. I ladri banchettano nella cucina di un agriturismo
Auto prende fuoco mentre sale verso il Santuario di Montevergine, salva una famiglia
Giro di assegni clonati per un valore di 190mila euro, nei guai 10 persone
Imprenditore tenta di togliersi la vita impiccandosi, salvato in extremis da un 16enne
Atripalda, scoppia la rissa in un bar di via Appia. Denunciati in tre
Ritrovata nella notte Lidia Famiglietti, la 16enne scomparsa ieri da Ariano Irpino

 

Bambini lanciano sassi dal cavalcavia, denunciati i genitori

Intervenuti tempestivamente i carabinieri per fermare il gioco pericoloso

L'autostrada

(L'autostrada)
(Foto: Carmine Bellabona)

Nella mattinata di oggi, i carabinieri di San Martino Valle Caudina sono stati allertati telefonicamente da un automobilista in transito lungo la via Provinciale ASI “San Martino – Roccabascerana” che, nei pressi del sottopasso al km. 3,6 in località Caracciolo, ha notato da lontano la presenza di alcuni giovani che lanciavano sassi giù dal cavalcavia, facendoli precipitare sulla sottostante sede stradale. Immediato l’intervento dell’Arma sammartinese che, giunta sul posto, ha riscontrato che a porre in atto quel pericoloso divertimento non erano dei giovani balordi, bensì due bambini di appena 10 e 13 anni, che si stavano divertendo a lanciare dei sassi sulla strada senza il benché minimo controllo di genitori, parenti o comunque di un adulto. Visto che l’età dei bambini è inferiore a quella minima ammessa dal codice penale per la responsabilità personale dei fatti di reato commessi, i militari dell’Arma di San Martino hanno deferito in stato di libertà le madri, due sorelle originarie di Ceppaloni e ora residenti rispettivamente a Cervinara e San Martino, accusate del reato di abbandono di minore. Convocati in caserma i bambini e i genitori, i carabinieri hanno chiamato anche i servizi sociali del Comune e del Piano di Zona, proprio in considerazione della mancata imputabilità dei bambini e della probabile assistenza che necessitano, assieme ai genitori, da parte delle preposte istituzioni statali.

Condividi