IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Incidente sul lavoro, operaio cade da una scala di tre metri
Ad Avellino fa tappa Chocolate Days, la festa del cioccolato tradizionale
Trova un cellulare e tenta di estorcere denaro al proprietario, denunciato 60enne di Atripalda
Frutta e verdura non tracciabili, sanzionati tre venditori
Ubriaco alla guida, nei guai 40enne. Ritirata la patente
Avellino, 13enne si lancia giù dal ponte della Ferriera. È grave
Picchiava e minacciava i genitori, arrestato giovane di Aiello del Sabato
Torna il maltempo in Irpinia, da domani piogge forti e temporali
Serino, continuava a perseguitare l'ex moglie. Arrestato 40enne
Francesco Renga in concerto al Teatro Gesualdo

 

Bambini lanciano sassi dal cavalcavia, denunciati i genitori

Intervenuti tempestivamente i carabinieri per fermare il gioco pericoloso

L'autostrada

(L'autostrada)
(Foto: Carmine Bellabona)

Nella mattinata di oggi, i carabinieri di San Martino Valle Caudina sono stati allertati telefonicamente da un automobilista in transito lungo la via Provinciale ASI “San Martino – Roccabascerana” che, nei pressi del sottopasso al km. 3,6 in località Caracciolo, ha notato da lontano la presenza di alcuni giovani che lanciavano sassi giù dal cavalcavia, facendoli precipitare sulla sottostante sede stradale. Immediato l’intervento dell’Arma sammartinese che, giunta sul posto, ha riscontrato che a porre in atto quel pericoloso divertimento non erano dei giovani balordi, bensì due bambini di appena 10 e 13 anni, che si stavano divertendo a lanciare dei sassi sulla strada senza il benché minimo controllo di genitori, parenti o comunque di un adulto. Visto che l’età dei bambini è inferiore a quella minima ammessa dal codice penale per la responsabilità personale dei fatti di reato commessi, i militari dell’Arma di San Martino hanno deferito in stato di libertà le madri, due sorelle originarie di Ceppaloni e ora residenti rispettivamente a Cervinara e San Martino, accusate del reato di abbandono di minore. Convocati in caserma i bambini e i genitori, i carabinieri hanno chiamato anche i servizi sociali del Comune e del Piano di Zona, proprio in considerazione della mancata imputabilità dei bambini e della probabile assistenza che necessitano, assieme ai genitori, da parte delle preposte istituzioni statali.

Condividi