IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Festa dell'Albero, il presidente Picariello (Odaf): "Disponibili per la realizzazione di un piano del verde per la città di Avellino"
"In Memoriam 23 novembre 1980", concerto dell'Orchestra Zenit 2000 al "Cimarosa"
Avellino scopre la cucina zen, da gennaio aperte nuove adesioni
Auto contro il bancomat, ma il colpo fallisce
Gli agronomi irpini promuovono la Festa dell'Albero. Appuntamento al Carcere Borbonico
Sequestrati beni per oltre 800mila euro ad una lavanderia
Furti in appartamento, fermati due napoletani
Nascondeva hashish nel mobile del ripostiglio, denunciato 35enne
Scoperta la truffa on line della PlayStation, nei guai un 32enne
Avellino, i carabinieri irpini celebrano la Virgo Fidelis

 

Borse e occhiali contraffati sequestrati dalla Guardia di Finanza

Operazione dei militari della Tenenza di Sant'Angelo dei Lombardi

auto finanza

(auto finanza)
(Foto: Fiamme Gialle)

Nell’ambito del particolare piano di servizi che, nel periodo estivo, viene disposto dal Comando Provinciale in relazione alla maggiore movimentazione di persone e mezzi, la continua presenza su strada delle Fiamme Gialle porta ad un altro sequestro, operato questa volta da una pattuglia della Tenenza di Sant’Angelo dei Lombardi (Nucleo Mobile). Nella serata dell’altro ieri, nel corso di uno dei tanti posti di controllo attuati lungo l’asse Napoli-Bari, una delle maggiori direttrici di traffico (anche illecito) che attraversano l’Irpinia, l’attenzione dei una pattuglia impiegata per il controllo economico del territorio veniva attirata da una autovettura di marca straniera che, condotta da un soggetto di evidente nazionalità extracomunitaria, alla vista del posto di blocco lasciava la strada statale per immettersi su una delle strade interpoderali che comunque conducono, per via più articolata, alla vicina Puglia. L’auto veniva prontamente seguita e fermata dalle Fiamme Gialle, dando immediatamente un motivo al nervosismo che aveva indotto il senegalese a bordo del mezzo ad una simile sospetta condotta: occultati fra svariati prodotti a carattere per così dire “etnico” si trovava un grande borsone contenente occhiali e borse appartenenti a note case di moda palesemente contraffatte. Quasi a corredo di un apposito kit per la falsificazione, a bordo della vettura erano inoltre scoperte numerosissime targhette metalliche recanti i logo di note case di moda che sarebbero presumibilmente dovute essere apposte su altri capi. Tutta la merce, quantificata in quasi 200 pezzi, era sottoposta a sequestro e nei confronti del responsabile, identificato per tale S.D. (di anni 55), residente in provincia di Salerno, scattava la segnalazione alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sant’Angelo dei Lombardi per le violazioni prevista dall’articolo 474 (falso) e dall’articolo 648 (ricettazione) del codice penale.

Condividi