IRPINIAREPORT | quotidiano online di Avellino Capoluogo e dell'Irpinia
Redazione    Registrazione
Auguri Laura: 40, ma non li dimostra
Studentessa s'impicca nella sua stanza, tragedia in Irpinia
Fontanarosa, Gambino nominato Cavaliere al Merito dell'ordine della Repubblica
Sbanda con la moto e si schianta contro le auto in sosta, muore 26enne
Avellino, ladri a Contrada Archi messi in fuga dai cani
Atripalda, spara al vicino con un fucile. Nei guai 28enne
Spaventoso incidente frontale, feriti i conducenti
Avellino, parcheggia l'auto e va in fiamme il motore. Paura in via Guerriero
Cesinali, sta meglio la donna investita mentre si recava in farmacia
Folgorato dai cavi elettrici mentre raccoglie ciliegie, grave operaio 45enne

 

Bruciano sterpaglie poco distante dalle abitazioni, tre denunce ad Aiello e Forino

Roghi di sterpaglie

(Roghi di sterpaglie)
(Foto: Carabinieri della Compagnia di Avellino)

Residui vegetali bruciati anche poco distante dalle zone residenziali: altre tre persone sono state deferite alla competente Autorità Giudiziaria perché ritenute responsabili di Attività di gestione di rifiuti non autorizzata. I tre, nonostante il divieto di bruciatura nell’attuale periodo di rischio per gli incendi boschivi decretato dalla Regione Campania, erano intenti alla combustione di residui vegetali derivanti dalla lavorazione di alcuni fondi agricoli ubicati nei comuni di Aiello del Sabato e Forino. Tale condotta, oltre ad essere particolarmente pericolosa, provocava un evidente senso di fastidio e molestie alle persone per l’alta concentrazione di fumo nell’aria. I Carabinieri delle Stazioni Forestali di Forino, competente su entrambi i citati Comuni, alla luce degli elementi di colpevolezza raccolti, hanno dunque deferito i predetti in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino. I servizi predisposti dal Gruppo Carabinieri Forestale di Avellino, volti al contrasto degli incendi boschivi e della pratica dell’abbruciamento dei residui forestali e vegetali continueranno ininterrottamente in tutta l’Irpinia.

Condividi